• Unipol
  • Clinica dentale s.stefano
  • Ircer vende
  • Victoria
  • Benefisio
  • Extra
  • Il mondo delle fiabe
  • Ti porto orto
  • Banca Macerata
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • Potentia
  • BCC Surroga
  • Notte vintage
  • ProLoco Porto potenza
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

MACERATA - Giovedì 12 gennaio 2017, ore 20,30, al Multiplex 2000 di Piediripa. Gli amici del Centro Nuova Cultura potranno acquistare il biglietto d'ingresso al prezzo ridotto di € 5.Invito Agnus Dei

Polonia, 1945. Mathilde Beaulieu giovane ufficiale medico che lavora per la Croce Rossa francese - curando i connazionali sopravvissuti ai campi di concentramento tedeschi - incontra una suora polacca che le chiede di seguirla nel suo convento: scoprirà una situazione sconvolgente, con alcune suore - oggetto di violenza da parte di soldati sovietici - in stato di gravidanza; e incerte se accettare l’inattesa maternità, lasciando la vocazione, o abbandonare figli che devono rimanere segreti, per evitare scandali. Mathilde, all’inizio insofferente alle richieste di segretezza e allo stesso luogo religioso, si interessa alle loro sorti e cerca di convincerle a uscire dal convento per farsi seguire da medici. Ma loro vogliono solo lei. Per Mathilde, di famiglia atea e comunista, essere scelta e voluta è uno choc che le farà cambiare prospettiva.
Diretto da Anne Fontaine, regista finora più interessata a temi pruriginosi che al versante sacro, Agnus Dei è una storia ispirata a fatti reali, poco noti, e alla vera figura di una giovane coraggiosa: un film più storico che religioso, ma capace di far interrogare sulla vocazione e sulla fede - come le cadute - di chi si affida definitivamente a Dio, anche in un frangente tragico. Il razionalismo di Mathilde, che fa comunque il paio con un temperamento sensibile, si scontra con un contesto e una realtà mai immaginati. E se le gravidanze sono una drammatica sfida per le religiose (che nella violenza subita sentono di aver violato, pur senza volerlo, i voti), la fede e il coraggio che Mathilde trova in quel luogo (dove pure non mancano le figure controverse, come la stessa madre superiora), ma anche alcuni momenti di letizia - come i canti e le preghiere - la conquistano a poco a poco. E la portano a rischiare lei stessa, in una Polonia ormai sotto il tallone dell’esercito sovietico. Mentre le religiose vedranno in quella giovane donna “del mondo” una benedizione divina, che porterà a una soluzione impensabile e commovente.

Commenti