• Tipico marche natale
  • Benefisio
  • Il mondo delle fiabe
  • Unipol
  • Clinica dentale s.stefano
  • Gigli
  • Banca Macerata
  • Ti porto orto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • Mille luci
  • Future consulting
  • Stacchiotti
  • Teatro
  • CPL
  • BCC Surroga
  • Pacha mama
  • Gospel
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

di Antonella Mariani, consigliere delegato alla sanità

RECANATI - In seguito ad alcuni articoli comparsi sulla stampa locale (quella cartacea, ndr), mi sento costretta ad intervenire per fare chiarezza e precisare alcune cose.

Abbiamo letto del servizio vaccinazioni chiuso per malattia del personale. Falso, visto che il problema riguardava Pediatria di Civitanova. ospedale recanati

Abbiamo letto che con la riorganizzazione dell'attività di emergenza e di primo intervento di giorno al Santa Lucia ci saranno solo infermieri. Falso, il paziente sarà accolto dall’infermiere e dal medico dedicato che potranno anche essere affiancati dai medici delle cure intermedie ed, inoltre, usufruire degli specialisti presenti al poliambulatorio.

È ormai chiaro il disegno di distruggere tutto con bugie, mentre la realtà è sicuramente complessa e da migliorare, ma i servizi per la cittadinanza ci sono e si stanno ampliando.

Lo sanno i recanatesi diabetici e che necessitano di una visita cardiologica, che ora possono essere seguiti a Recanati dal dottor Brandoni e dal team del nuovo primario di cardiologia di Civitanova.

Sto verificando di persona, da professionista prima ancora che da delegata alla sanità, come si stiano mantenendo gli impegni presi e sono fiduciosa che il progetto verrà completato con la strumentazione di radiologia e ulteriore potenziamento dell'attività ambulatoriale che pure da risposte positive ai recanatesi e non solo.

Nei giorni scorsi abbiamo verificato come i lavori per la nuova Dialisi e il Poliambulatorio vadano avanti come da tabella di marcia.

Non dimentichiamoci infine il ruolo importante, di ospitalità e sostegno, che Recanati sta svolgendo con gli anziani che arrivano dalle zone duramente colpite dal terremoto.

 

Commenti