• Extra
  • Ircer vende
  • Gigli opera
  • Benefisio
  • Unipol
  • Ti porto orto
  • Banca Macerata
  • Clinica dentale s.stefano
  • Il mondo delle fiabe
  • Victoria
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • Palio
  • Potentia
  • 1
  • 2

RECANATI – Il Comitato per la difesa dell'Ospedale Santa Lucia di Recanati (referenti Edelvais Pellegrini e Nicoletta Marzioli), ha scritto ai vertici della sanità Regionale, chiedendo chiarimenti riguardo l'attuazione della Determina Dirigenziale nr. 467/2017 (vedi allegato in basso).piazzaleH

In seguito a questa comunicazione, la Vice Presidente della IV Commissione Sanità, Elena Leonardi ha presentato un'interrogazione. Dopo queste due iniziative anche il sindacato ha assunto una posizione in merito.

“La presente –scrive il Comitato- per chiedere urgenti informazioni riguardo la Determina Dirigenziale nr.467 del 10.04.2017 e relativo allegato dichiarata immediatamente esecutiva in data 10.04.2017 emessa dalla Direzione dell'Area Vasta 3. Nell' allegato si parla di RICONVERSIONE PPI IN PAT con relativi tre esuberi e una richiesta da parte della Direzione dell'Area Vasta 3 di domanda di mobilità volontaria da presentare entro il 12.08.2017, ma se il PPI rimarrà in essere almeno fino a fine anno (come confermato da Maccioni alla stampa) e per il futuro nulla sembra essere deciso, ci chiediamo il perché di tutta questa fretta e soprattutto perché sotto il periodo di ferie? Da sempre il lento depotenziamento del nostro nosocomio è avvenuto sotto questo periodo, quando nessuno poteva controllare, anche se al Comitato mai nulla è sfuggito! Ricordiamo che il PPI di Recanati nel 2016 ha effettuato 7200 prestazioni e che ad oggi siamo a oltre 4000, pertanto sarà fortemente probabile che per il 31.12.2017 si supereranno notevolmente le 7000. Tenendo presente il DM 70/2015, il quale recita: "....I PPI con casistica inferiore a 6000 passaggi annui sono direttamente affidati al 118 con postazione territoriale"....ma il PPI del Santa Lucia viste le prestazioni, non rientra in questa casistica! Ed è proprio da qui che nascono le nostre perplessità ..... non sia mai che avvenga come in passato per la maternità e la chirurgia dove si è cercato in ogni modo di non far fare i numeri in modo da giustificare la loro chiusura. Per tutto questo chiediamo informazioni in merito”.

467 2017 1

 

Commenti