Torre Antica
  RECANATI – Dalla Sardegna, dove si è trasferita per lavoro, ci ha raggiunto telefonicamente la signora Valentina Terrucidoro, appreso che il suo nome è stato ripreso dalla stampa in relazion...
Venerdì 29
Prescrizioni a volontà per Recanatese-Ma…
Prescrizioni a volontà per Recanatese-Maceratese di Coppa Italia, limitazioni anche per la Festa della Birra
Venerdì 29
Delocalizzazione impianti radiofonici a …
Delocalizzazione impianti radiofonici a palazzo Venieri, incontro comune/radio Erre
Venerdì 29
“Il giovane favoloso”, commenta Fiordomo…
“Il giovane favoloso”, commenta Fiordomo “straordinaria vetrina mondiale per Recanati”
Sabato 30
Il comitato no microchips ribadisce lice…
Il comitato no microchips ribadisce liceità delle scelte suoi aderenti
Pubblicato Martedì, 21 Settembre 2010 16:26 Visite: 534
Stampa

Nota del comune

E’ stato sottoscritto il contratto con l’associazione Amuba Onlus con sede legale in Camerata Picena - Provincia di Ancona - per la gestione del canile comunale sito in Contrada Montefiore.CANILE

L’Associazione aggiudicataria dell’appalto si è impegnata ad effettuare interventi di miglioramento e/o adeguamento strutturale del canile per un valore stimato di circa 200.000,00 euro. Percepirà euro 2,20 giornaliere per ogni cane ospitato.

In particolare, al fine di suddividere i cani ospitati per fasce di età, per migliorare la loro qualità di vita in quanto tutti i cani vivrebbero con i loro simili aventi pari esigenze, oltre alle aree attrezzate già esistenti per cani adulti e per cani morzicatori, l’Associazione Amuba si è impegnata alla realizzazione di: aree attrezzate per cani anziani, per la nascita di cuccioli,  per i cani giovani sotto i 6 mesi; di n. 10 box per uso pensione privata; di n. 50 box per aumentare la capacità ricettiva di altri 100 cani randagi nonché alla creazione di area verde per la socializzazione e l’educazione del cane.

La nuova gestione del canile rappresenta un passo in avanti verso il perseguimento delle finalità che l’amministrazione comunale si era prefissa e precisamente:

- prevenzione del randagismo attraverso la predisposizione di campagne di sensibilizzazione mirate all’attuazione dei piani di controllo delle nascite attraverso la sterilizzazione dei cani randagi catturati e/o rischio di riproduzione incontrollata;

- incentivazione delle adozioni attraverso programmi e progetti specifici;

- iniziative di informazione anche in ambito scolastico al fine di conseguire un rapporto di rispetto nei confronti della vita animale e la difesa del suo habitat;

- collaborazione alla vigilanza nel rispetto delle vigenti norme a tutela degli animali;

- iniziative volte alla cura ed al benessere degli animali ospitati nel canile;

- partecipazione attiva alla redazione dei progetti preordinati all’ottenimenti dei finanziamenti provenienti da diverse fonti.

 

 

Commenti