• Gran Tour Marche
  • Il mondo delle fiabe
  • BCC conto giovani
  • Benefisio
  • Astea
  • Unipol
  • Pallacanestro recanati
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • Persiani 2018
  • Valverde 2018
  • Miccini
  • Stacchiotti
  • CPL
  • Leguminaria 2018
  • Banca MC GIF
  • Pacha mama
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

MONTELUPONE - A partire dal mese di maggio è stato attivato il progetto “Estate Sicura” dell'associazione ONLUS “Angel Ranger” nell'ambito delle proprie attività di protezione civile. Un progetto ideato dal Coordinatore Generale dei Ranger, Corrado Lazzarini, che nasce dalla necessità di ottemperare alle direttive della circolare Gabrielli, ossia di presidiare le manifestazioni all'aperto come fiere, mercati, mercatini e provvedere al servizio antincendio.
“L'idea del progetto è nata in seguito alle nuove disposizioni della circolare Gabrielli e alle specializzazioni che hanno conseguito i nostri volontari, – spiega Lazzarini – così dopo una prima esperienza esplorativa nella quale ci siamo occupati della sicurezza della Festa di Primavera svoltasi a Pasqua a Marcelli, abbiamo ideato questo progetto. Con nostra grande sorpresa, dopo averci visto all'opera a Marcelli, hanno iniziato a contattarci altri comuni per realizzare “Estate Sicura”. Nel giro di pochi giorni abbiamo riempito di incarichi il nostro calendario, a tal punto da dover rifiutare alcune richieste. Purtroppo al momento abbiamo solo una ventina di volontari pronti ed adeguatamente formati per cui dobbiamo limitare i nostri impegni.” Già questa domenica gli Angel Ranger erano impegnati a Porto Recanati presso la mostra mercato “Io amo la creatività” e a Sirolo in ben tre eventi: il mercatino di piazza Brodolini e piazza Vittorio Veneto, il Palio di San Nicola e la sicurezza nella gara di Triathlon che attraversava diversi comuni della riviera. Angel Ranger
“E' stata una domenica intensa – continua il Coordinatore Generale – anche perché abbiamo dovuto dividerci in due squadre. In particolare a Sirolo la giornata è stata piuttosto impegnativa, ad un certo punto infatti, la squadra si è dovuta dividere ulteriormente per presidiare alcuni punti critici della gara di Triathlon. Nonostante la qualifica ASA ottenuta di recente (qualifica specifica che permette agli operatori di occuparsi della sicurezza nelle competizioni ciclistiche), eravamo impossibilitati ad agire in quanto nella nostra zona non era previsto né la chiusura né la sospensione temporanea del traffico, nemmeno durante il passaggio dei ciclisti. Io ed il vice capo reparto Thomas Zelger, ci siamo trovati in grossa difficoltà a tenere l'area in sicurezza, operando in mezzo alle lamentele dei ciclisti che rischiavano di essere investiti e quelle degli automobilisti, i quali, non essendoci alcun divieto alla circolazione, si sentivano in diritto di passare. Cercavamo di spiegare agli automobilisti la situazione, purtroppo abbiamo dovuto constatare di quanta incoscienza ed inciviltà siano piene le strade: molti di loro pretendevano di passare presso la rotonda di presidio, nonostante corressero il serio rischio di investire gli atleti; altri incuranti dei nostri solleciti, si sono addirittura infilati fra noi volontari ed hanno attraversato la strada. Prontamente i numeri delle loro targhe sono state segnalate alle autorità competenti. Abbiamo comunque svolto un buon lavoro di squadra sia con altri volontari dell'organizzazione che con altre associazioni come quella dei Carabinieri in congedo. Nel momento più critico, ossia quando i corridori hanno percorso a ritroso il tragitto e quindi passavano in discesa ad alta velocità alla rotonda che presidiavamo, abbiamo avuto anche il provvidenziale sostegno dell'associazione New Social Group di Porto Recanati, che con i loro mezzi ed altri due volontari ci hanno permesso di rendere sicura la rotatoria molto frequentata da automezzi sia provenienti da nord che da sud. Ci siamo trovati molto bene con questa associazione e non escludo che in futuro possano nascere nuove collaborazioni.” Superate le difficoltà della gara, il resto della manifestazione ed il Palio si sono svolte regolarmente con un finale a sorpresa: infatti mancavano pochi minuti al termine del Palio quando ai Ranger è arrivata la comunicazione della scomparsa di due bimbe. “Immediatamente abbiamo diramato la notizia via radio a tutte le nostre unità – continua Lazzarini – che comunque stavano già presidiando tutte le uscite della manifestazione e dopo pochi minuti il nostro volontario Nicola …., in postazione presso l'arco in via Italia, ha visto due bimbe che piangevano e che si stavano allontanando dalla manifestazione. Ha subito capito che erano loro e dopo aver saputo le generalità ed il telefono della madre, ci ha avvisato. Voglio fargli pubblicamente i complimenti perché mi hanno riferito che è stato molto delicato e premuroso con le bimbe. Infatti, in questi casi bisogna avere molto tatto, perché i bimbi sono già molto spaventati per essersi persi, doversi rapportare poi con uno sconosciuto può essere fonte di maggiore turbamento. Invece Nicola è stato bravo a tranquillizzarle e a tenerle in tale stato fino all'arrivo dei genitori.”
Un progetto quindi a tutto tondo che va a toccare molte specializzazioni dell'associazione: dall'antincendio al personale addetto alla segnalazione aggiuntiva (ASA), dalla sicurezza alla ricerca persone scomparse. Tutte specialità nelle quali i Ranger sono a disposizione delle autorità locali di sicurezza: “In tutte le località in cui andiamo, noi fungiamo da appoggio ai vigili urbani e ci atteniamo esclusivamente alle loro disposizioni – conclude il Coordinatore Generale – speriamo di poter essere loro d'aiuto, specie in questo tipo di manifestazioni in cui c'è molto pubblico e poco personale.” Aiuto che sicuramente è stato ben apprezzato, come ci spiega il comandante dei vigili di Sirolo, capitano Ferruccio Pierantoni:” Con i volontari degli Angel Ranger abbiamo instaurato un'ottima collaborazione; sono tutti ragazzi molto educati, rispettosi e svolgono le proprie attività in modo professionale. Hanno controllato bene i passaggi in modo rigoroso e sicuro. Li ho visti ben attrezzati ed organizzati. Direi che sono un’associazione molto valida come supporto con le polizie locali, rappresentando così un’ottima soluzione per adempiere alle norme della circolare Gabrielli.”
Agli apprezzamenti pubblici si aggiungono quelli di molti passanti e bancarellari i quali si sentono più protetti da questo progetto, che però per potersi ampliare ed essere ancora più accurato avrebbe bisogno di altri volontari. Per tutti coloro che fossero interessati, l'associazione organizza ogni mercoledì alle ore 20.00 una serata di porte aperte in cui vengono illustrate le attività della stessa, chi fosse interessato a prendere informazioni può farlo contattando il 347 8627999 www.angelranger.it