• Pallacanestro recanati
  • Il mondo delle fiabe
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • Teatro persiani
  • Astea
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Paesaggio
  • CPL
  • Banca MC2
  • Banca MC GIF
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Nota della lista Montefano Domani

MONTEFANO -  I consiglieri di minoranza hanno scelto di non partecipare al Consiglio Comunale del 30 novembre per dimostrare la contrarietà alla convocazione di una seduta straordinaria, priva di fondamento.

La scadenza del 30 novembre per l’approvazione dell’assestamento generale di bilancio è nota da sempre. Ci meraviglia che chi ha fatto dell’esperienza maturata nella pubblica amministrazione il proprio cavallo di battaglia, si sia ridotto all’ultimo giorno utile per adempiere un atto dovuto.

Così il gruppo di opposizione Montefano Domani commenta la decisione dell’Amministrazione di convocare un consiglio comunale per questa data, ricordando che la sindaca Angela Barbieri è il responsabile dell’ufficio ragioneria del comune di Recanati.DOMANI

Le motivazioni possono essere molteplici: l’ufficio contabile che ha il vizio di arrivare sempre all’ultimo minuto, il dirigente in questione oberato dai troppi incarichi o magari la scarsa presenza del segretario comunale, hanno portato a dover ideare un bizzarro escamotage che però non trova conferme regolamentari.

Quello che però ci lascia perplessi è il fatto che siano ricorsi ad una seduta straordinaria, mettendo fin troppo comodamente da parte ciò che è riportato nel Regolamento per il funzionamento e l’organizzazione del Consiglio Comunale che indica chiaramente la dinamica che consente la convocazione straordinaria.

A causa di questa scelta i consiglieri di minoranza si son visti, oltretutto, limitato di molto il tempo a disposizione per un’adeguata e corretta valutazione degli argomenti di cui si richiedeva l’approvazione in consiglio comunale.

Tutto ciò denota una mancanza di rispetto, in primis per i cittadini in quanto viene meno il ruolo della minoranza che è quello di controllo e garanzia sull’operato dell’amministrazione in carica, poi per le istituzioni che tutto il Consiglio Comunale è chiamato a rappresentare, mettendo in pratica tutto ciò che è previsto dalla legge.

Con la nostra assenza abbiamo cercato di dimostrare il dissenso a tutte le modalità irregolari messe in atto che hanno ben poco a che spartire con la doverosa trasparenza richiesta ad un’amministrazione” ma aggiunge anche: “Come consiglieri di minoranza ci teniamo a sottolineare che continueremo ad impegnarci nel tenere sotto controllo costantemente l’operato amministrativo e a compiere tutto ciò che è in nostro potere per far si che nulla vada a discapito della cittadinanza.