• Pallacanestro recanati
  • Unipol
  • Astea
  • Musei Recanati
  • BCC conto giovani
  • Teatro persiani
  • Il mondo delle fiabe
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Banca MC GIF
  • CPL
  • Citylab
  • 1
  • 2
  • 3

PORTO RECANATI – E’ in arrivo una settimana in cui il River Village dovrà scongiurare anche il distacco dell’energia elettrica. Servono 4.200 euro da pagare entro il 20 ottobre e i condomini sono stati già avvisati che si devono pagare con celerità le quote dovute.

D’altronde l’avv. Buonocunto che ha assunto l’amministrazione condominiale è partito con River Village 2.0, cioè in attesa dei debiti regressi da conteggiare attraverso un revisore esterno, si parte con l’emanazione regolare e da rispettare del pagamento delle quote.

E gli avvisi di pagamento sono partiti.20180707 165913

C’è poi da sanare anche l’ingente debito, che cresce, con ASTEA che di fronte al mancato rispetto delle scadenze del piano di rientro e di un a bolletta di periodo, ha diminuito l’erogazione di acqua creando non pochi problemi.

E anche l’INPS fa sentire la sua voce inviando una sanzione di 16.000 euro per 2000 euro non versati nel 2018 e per questa vicenda l’avv. Buonocunto chiama in causa le precedenti amministrazioni tanto che intende visionare i bilanci degli ultimi 5 anni e verificare la gestione contabile.

Se ci saranno situazioni strane sarà la magistratura a valutare le gestioni.

Il legale campano dovrebbe tornare in città a breve, anche per stabilire la sua base operativa, e organizzare la prossima assembla condominiale in cui si farà il primo punto sulla situazione economico contabile si passerà ad approvare gli strumenti di bilancio.

Buonocunto, per dare un'accelerata sulle riscossioni delle quote a partire dal suo insediamento, senza attendere l'anagrafica della vecchia amministrazione, ha individuato tutti i proprietari degli immobili che ora sono chiamati a rispettare scrupolosamente le scadenze.

Ma sembra che anche il precedente amministratore si stia muovendo: sia per tutelarsi contro alcune affermazioni lesive della sua onorabilità, ma anche per ottenere il saldo di spettanze tanto che potrebbe agire con un decreto ingiuntivo per bloccare il nuovo conto corrente aperto da Buonocunto per la raccolta delle quote condominiali.