• Pallacanestro recanati
  • Test clinica lab
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • Astea
  • Il mondo delle fiabe
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • BCC
  • Banca MC
  • Reschini spazio cultura
  • Menghini
  • Astea 2020
  • Sottosopra
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

PORTO RECANATI -  Il loch down aveva fermato i lavori, ora il cantiere ha ripreso la sua attività.

Fa il punto dello stato degli interventi il sindaco Mozzicafreddo che scrive "Come avete potuto notare, finalmente, su via Garibaldi si sta sostituendo la rete fognaria che tanti problemi ha dato nel corso di decenni e contemporaneamente verranno rinnovati tutti gli allacci dell'acqua e del metano".

Il tratto interessato dall'intervento è partito da Piazza Giovanni XXIII e si fermerà (in questo stralcio) all'intersezione con via D'Azeglio (piazza Carradori). 100600062 2570414416513012 4733935381970419712 n

Dopo il primo tratto che ha interessato via M.L.King e via Garibaldi fino all'intersezione con via Biagetti, da lunedì si proseguirà con la seconda parte.

Il termine dei lavori che si sarebbero dovuti concludere entro il mese di aprile o primi di maggio, è previsto - causa fermo dei lavori per Decreto - entro il mese di giugno.

Per consentire lo svolgimento dei lavori e fino alla loro conclusione, tutta via Garibaldi sarà interdetta al traffico da via M.L.King fino all'intersezione con via D'Azeglio (piazza Carradori).

La viabilità subirà conseguentemente una variazione importante seppure temporanea.

Via Pietro Miccca cambierà direzione e la circolazione si svolgerà da ovest verso est e cioè da Corso Matteotti fino a Via Garibaldi.

All'intersezione con via Garibaldi si potrà riprendere la direzione consueta verso nord e - esclusivamente per i residenti del tratto interessato - anche verso sud per raggiungere le rispettive abitazioni.

"Stiamo adoperandoci - commenta il sindaco- perchè i lavori possano procedere nel modo più veloce possibile e ci scusiamo per i disagi che potrebbero presentarsi.  La coincidenza infatti con il periodo estivo non ci consente di utilizzare il lungomare come era stato ipotizzato se i tempi fossero stati quelli previsti prima della pandemia. Oggi il lungomare è già frequentato da pedoni e bici come in piena estate e sarebbe stremamente pericoloso il passaggio anche delle auto".