• Fiordomo 2020
  • Astea
  • Unipol
  • Test clinica lab
  • Pallacanestro recanati
  • Il mondo delle fiabe
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Banca MC
  • BCC
  • Astea 2020
  • Sottosopra
  • Menghini
  • GOF 2020
  • Reschini spazio cultura
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

PORTO RECANATI - Non si spegne la polemica divampata dopo l'inaugurazione di una mostra dedicata in parte all'artista Claudio Cintoli in corso al Castello Svevo.

Giancarlo e Michele Cintoli, rispettivamente fratello e nipote di Claudio non sarebbero voluti  tornare su questa spiacevole vicenda anche per non tediare ulteriormente i pazienti lettori, ma l’ultimo intervento congiunto dell’Assessore Angelica Sabbatini (Comune di Porto Recanati) e del Presidente dell’Associazione “Spazio Cultura” (domenica 26 luglio) ci induce, nostro malgrado, a farlo.

"Siamo innanzitutto sorpresi -scrivono i Cintoli- che vengano inopinatamente tirate in ballo persone defunte che non possono eventualmente più replicare, puntualizzare, mettere a fuocoaccadimenti e progetti passati che, tra l’altro, già non sono più operativi. Il punto non è quanto sia stato fatto prima, ma è quanto realizzato nel presente; e il presente non è un bel vedere.

107664099 2592076737720970 6792876721604757265 oE’ come si è pensato e realizzato l’evento che lascia perplessi: definirlo inopportuno sa molto di eufemismo! Nel merito abbiamo già più volte espresso il nostro parere e non ci ripetiamo. Qui ribadiamo che non ci si può aggrappare al Covid per giustificare una manifestazione sbagliata. Se il fratello e le nipoti dell’artista (una addirittura residente a Recanati) non erano reperibili (puerile giustificazione), se gli spazi non erano disponibili, se il momento non era oggettivamente facile, non c’era alcun obbligo per organizzatori e patrocinanti di ricorrere a Claudio Cintoli, oltretutto senza neppure gli apporti e il consenso morale della famiglia.

Tra la grafica molto discutibile del manifesto (fra l’altro con disegni di Claudio ivi pubblicati senza consenso), definizioni improbabili (ragazzo del Piper), accostamenti arditi, presentazione di opere in contesti errati, l’immagine del nostro congiunto è stata offuscata.

Per chi volesse approfondire, in calce alleghiamo alcuni stralci di un estratto della rivista ART&amp, come contributo nella specifica materia.

Circa le dichiarazioni dell’Assessore che auspica di poterci incontrare anche con altri famigliari di Claudio, rinnoviamo la nostra piena disponibilità all’incontro con lei in qualsiasi sede, ma non alla mostra che abbiamo già visitato, né in occasione della serata del 18 agosto perché quella è una giornata - a nostro avviso - che va interamente dedicata a Mia Martini, grandissima e sfortunata artista che merita l’esclusiva e non necessita quindi di supporti esterni che possano minimamente offuscare la sua immagine".

Circa il diritto di esposizione e riproduzione dell'opera i Cintoli allegano questa nota: la più recente normativa in materia (Legge Autore, che integra e modifica la legge del 1941) non menziona espressamente il diritto di esposizione ma la giurisprudenza prevalente assegna questo diritto al proprietario dell’opera lasciando all’artista (o ai suoi aventi causa) solo la possibilità di lamentare “la violazione del proprio diritto morale d’autore qualora le modalità di esposizione ledano la sua reputazione e il suo onore (es: esposizione che includa opere d’arte non rappresentative del suo lavoro presentate invece come rappresentative o quando l’autore sia accostato ad altri artisti di diversa corrente o genere artistico).”
Ancora: “Se l’esposizione di opere d’arte (in particolare moderna e contemporanea) non è soggetta all’autorizzazione dell’autore (o suoi aventi causa), la riproduzione di opere su cataloghi e/o manifesti pubblicitari richiede invece sostanzialmente sempre il preventivo consenso dell’artista (o suoi aventi causa).”
“I curatori di mostre ed esposizioni dovranno pertanto accertarsi di aver preventivamente acquisito dagli artisti (o loro aventi causa) il diritto di riproduzione delle opere esposte, anche su internet, prima di pubblicarle su cataloghi o manifesti, così da non incorrere in violazioni (ed eventuali richieste di risarcimento danni).”

107693869 2592082277720416 4583937235711323598 o