• Musei Recanati
  • Emigrazione
  • Unipol
  • Test clinica lab
  • Astea
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Menghini
  • Avis
  • BCC
  • Astea 2020
  • Sottosopra
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

PORTO RECANATI  - "La situazione che emerge dal report quotidiano ci impone una informazione immediatA - scrive il sindaco Mozzicafreddo.- Oggi i nuovi positivi diagnosticati e registrati nel report sono 16 a fronte di 9 negativizzati (per decorrenza dei giorni dalla diagnosi iniziale). I numeri di oggi sono di 131 concittadini positivi e oltre il doppio di concittadini in quarantena obbligatoria".

"Solo per dare una idea della situazione complessiva -commenta il primo cittadino- , dall'11 di novembre 2020 ad oggi i contagiati ufficiali e riportati nei report (e per l'aspetto positivo anche, almeno temporaneamente, immuni) sono stati 560 ai quali vanno aggiunti alcuni del periodo estivo-autunnale e i contagiati della prima ondata.  Non siamo lontani dalla realtà se affermiamo che almeno 1.000 concittadini siano stati colpiti dal coronavirus e la stragrande maggioranza di essi guariti. Se in questa fase si fosse registrata la negativizzazione come nel primo periodo (due tamponi negativi) il numero degli attuali contagiati sarebbe di molto più alto".

Il sindaco interviene anche sulle nuove modalità di trasmissione.

"La diffusione del virus anche nelle fasce infantili e giovanili è in aumento costante, contrariamente alla prima fase della pandemia. Ci appelliamo al vostro senso di responsabilità e chiediamo per l'ennesima volta di usare ogni prudenza, di evitare gli assembramenti, di usare la mascherina e di togliersela solo quando si è sicuri di essere o lontani dagli altri o da soli. Fumare in gruppo (anche la sigaretta elettronica produce vapore e quindi goccioline) o bere senza rispettare la distanza dal vicino, è pericolosissimo per il contagio. State e stiamo tutti molto attenti. E ci rivolgiamo in modo particolare ai giovani che, in molti, sembrano non rendersi conto del pericolo. A chi è positivo o in quarantena ricordiamo l'obbligo di restare in casa e di seguire tutte le indicazioni. Evadere le norme di sicurezza non ci aiuta ad uscire da questo incubo prima possibile".

13346275 1701961566732496 166312027840939133 o