• Il mondo delle fiabe
  • Unipol
  • Benefisio
  • BCC conto giovani
  • Musei Recanati
  • Pallacanestro recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Antonio Bravi B
  • Banca MC GIF
  • Antonio Bravi A
  • Gran tour
  • Marabini
  • Infinito villa colloredo
  • CPL
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

POTENZA PICENA - E’ stato approvato nel corso dell’ultimo consiglio comunale, con i voti della maggioranza che sostiene il Sindaco ff Noemi Tartabini, l’atto di indirizzo proposto dall’Amministrazione Comunale rivolto alla riduzione dell’edificabilità sul territorio potentino.

E’ stato dato così mandato al Segretario Generale e agli uffici competenti di attivare la procedura per una nuova variante al Piano Regolatore vigente, al fine di poter valutare e dare regolare corso a tutte le osservazioni, numerosissime, che giunte fuori i tempi previsti, sono rimaste escluse dall’ultima variante aperta all’inizio del 2014.

Inoltre di modificare l’area fabbricabile “Opera Pia Filippetti” in area agricola “E”, l’area del “Parco dei Laghetti” classificata in turistico – residenziale da modificare nella babaloo spiaggiariduzione della cubatura escludendo il residenziale e lasciando il turistico, zona “Ex Rogin” riduzione dell’indice di edificabilità, “Ex Bontempi” da modificare nella riduzione del residenziale, area “Le 5 Vele” nello specifico ex parcheggio Babaloo classificato strutture per sport e spettacolo da modificare togliendo la cubatura prevista e da destinare a solo parcheggio considerando anche le indicazione del nuovo piano di difesa della costa.

“Posso esprime soddisfazione per questo atto di indirizzo – ha sottolineato il Capo Gruppo di Maggioranza in Consiglio Comunale, Giulio Casciotti – la Giunta e i consiglieri comunali che la sostengono, hanno voluto evidenziare una volontà di sviluppo realistico e di tutela del territorio al fine di evitare interventi faraonici impossibili da realizzare o, peggio ancora, interventi che potrebbero rimanere per tempi indeterminati inconclusi ed anche per non lasciare notevoli superfici abbandonate dove è impossibile nelle condizioni urbanistiche attuali realizzare interventi compiuti e funzionali”.