• Benefisio
  • BCC conto giovani
  • Musei Recanati
  • Pallacanestro recanati
  • Unipol
  • Il mondo delle fiabe
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • CPL
  • Infinito
  • Banca MC GIF
  • Gran tour
  • Notte rosa porto 2019
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Nota del M5S

POTENZA PICENA - La nomina del dr. Giulio Casciotti a Vice Sindaco con deleghe al Personale e alle attività sportive, come riportato da organi di informazione locali, a nostro avviso espone il noto professionista potentino, titolare di una farmacia privata nel centro di Porto Potenza, ad un chiaro possibile conflitto di interessi.

In effetti, come è noto, il Comune di Potenza Picena gestisce tramite l’ASPP le due farmacie comunali, una in Piazza Matteotti a Potenza e l’altra a Porto Potenza ed in virtù di tale proprietà l’Amministrazione comunale nomina il presidente e il Consiglio d’amministrazione della ASPP che a sua volta controlla il 100% delle due Farmacie.

Inoltre, per legge, l’Amministrazione comunale esercita un attento controllo analogo sulla attività della ASPP e delle Farmacie comunali.Casciotti Giulio 5

Per quale motivo parliamo di possibile conflitto d’interessi?

Teoricamente, essendo il futuro vice sindaco diretto concorrente delle farmacie comunali, potrebbe ottenere preventivamente informazioni riservate di attività o di iniziative da parte delle farmacie comunali stesse, o, al contrario, potrebbe ostacolare iniziative utili al loro sviluppo economico e al miglioramento dell’offerta sanitaria, e in teoria potrebbe trarne vantaggio.

Sia chiaro, onde evitare malintesi, nessun dubbio sulla onestà morale e correttezza del dr. Casciotti. Qui si vuole rimarcare, a tutela dell’Ente Comune, il pericolo di un possibile conflitto d’interessi che può insorgere quando i membri della giunta comunale, e fra questi il titolare di una farmacia privata, dovranno esprimere un qualsiasi parere o prendere qualsiasi iniziativa riguardante le Farmacie comunali, onde evitare un danno alla credibilità dell’Amministrazione comunale.

A conferma di quanto detto, a rimarcare il ruolo preponderante che ha l’amministrazione comunale sulle farmacie di sua proprietà, basterà ricordare che nel Novembre 2014 la Giunta Acquaroli intendeva vendere una delle due farmacie per fare cassa e scongiurare il mancato rispetto del patto di stabilità.

Ci domandiamo cosa farà il futuro vice sindaco quando in giunta si parlerà delle Farmacie comunali? Scenderà sotto le logge del comune a prendersi un caffè?

Per evitargli questa seccatura, per evitare qualsiasi malinteso, nell’interesse della Comunità potentina, che ha tutto l’interesse che fra le farmacie, comunali e private, ci sia una concorrenza naturale e trasparente il M5S consiglia al futuro vice sindaco di rinunciare a qualsiasi assessorato nella Giunta Tartabini.