• Test clinica lab
  • Astea
  • Il mondo delle fiabe
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • Pallacanestro recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Sottosopra
  • Banca MC
  • BCC
  • Menghini
  • Astea 2020
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

nota del comune

POTENZA PICENA - Al passaggio delle consegne nel 2015, il presidente dimissionario Mario Morgoni raccomandò di potenziare l’A.S.P.P. (azienda speciale che gestisce le due farmacie comunali) lasciando nel frattempo 29 mila euro circa di rosso in bilancio e debiti maturati durante la sua presidenza.

Nonostante ciò il Pd, a mezzo stampa, diffonde falsità ed inesattezze, trasudando un affanno evidente nel difendere a tutti i costi degli accordi precisi che emergono dagli atti, fatti dal centrosinistra quando amministrava la città.

La verità e ben altra. I dati e i numeri parlano chiaro: la gestione delle farmacie a guida centrodestra ha creato utili, opere ed interventi per la collettività come la casetta dell’acqua, contributo aule scolastiche, vettura per la Protezione Civile, aiuti alle società sportive e alla Croce Rossa, assunzione a tempo indeterminato di due farmaciste e soprattutto sconti sui parafarmaci per 80 mila euro l’anno.CASSETTO

Ed il presente è piuttosto sereno: nonostante il Covid-19, ASPP – Farmacie Comunali alla data del 30 giugno 2020 ha registrato un incremento di ricavi pari a 55 mila euro. In merito alla revoca della figura di Coordinatore delle due farmacie, impersonata dal Dott. Moreno Mariotti (che resta comunque direttore della Comunale di via Toscanini), va specificato semplicemente che, come il Pd ben sa, questa Amministrazione Comunale ha portato in Consiglio Comunale il quale ha accolto la possibilità di far gestire alla ASPP anche altri servizi di natura diversa, così come accade da tempo in altri Comuni.

La motivazione della revoca va cercata in questo aspetto e nella consapevolezza che la figura del Coordinatore (con indennità aggiuntiva) solitamente risulta necessaria quando si deve coordinare molte farmacie nello stesso territorio e non solamente due come il nostro caso in cui sono già presenti due direttori farmacisti.

Sulla polemica targato Partito Democratico circa il fantomatico conflitto del Vicesindaco, continuiamo a ribadire l’inesistenza di tale conflitto di interessi, così come dichiarato anche dalle maggiori associazioni di categoria interessate nel merito, ed a sottolineare la correttezza istituzionale e professionale del Dott. Giulio Casciotti votato dai cittadini consapevoli che è titolare da una vita di farmacia privata.

Se al Pd locale non stanno bene i cambiamenti strutturali effettuati dall’Amministrazione Comunale di centrodestra ci dispiace, ma siamo stati eletti dai cittadini con l’impegno di fare il meglio per la collettività tutta e lo stiamo facendo con investimenti ed opere di cui a brevissimo vedremo i risultati. Nulla di personale se per raggiungere certi risultati pro-collettività occorrono cambiamenti che toccano anche risorse umane.