• Test clinica lab
  • Astea
  • Pallacanestro recanati
  • Unipol
  • Il mondo delle fiabe
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • BCC
  • Astea 2020
  • Menghini
  • Sottosopra
  • Banca MC
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

a cura di Paolo Onofri

POTENZA PICENA - Dopo quanto era già accaduto nel 2001, con la previsione di asfaltare sia il Piazzale San Martino che il Vico della Libertà nel quartiere di Galiziano a Potenza Picena, di nuovo si ritorna a parlare di asfaltare un piazzale nel nostro centro storico medioevale, poco distante dal Piazzale San Martino e da vico della Libertà.

Si tratta del Piazzale posto tra Vico Guarnieri e via S. Croce, che per questo non va comunque chiamato Piazzale Santa Croce, ma bensì Piazzale Guarnieri. Comunque ad oggi questo Piazzale non ha un nome. Il piazzale non esisteva storicamente, si è formato con l’abbattimento di 5 abitazioni private, contraddistinte con le particelle catastali 805, 806, 807, 813 e 814. Sul Cittadino di Recanati del giorno 19 Agosto 2020 è uscito un breve comunicato stampa del nostro comune che informava i cittadini dell’approvazione del progetto di asfaltatura di 3 vie di Potenza Picena. Due sono al Porto, Via Emilia e Via Piacenza ed una si trova nel Capoluogo, nel nostro Centro Storico, chiamata Piazzale Santa Croce (delibera di Giunta Comunale n° 104 del 11/8/2020), per una spesa complessiva di Euro 93.466,94.

Per quanto riguarda gli interventi da eseguirsi sulle vie Emilia e Piacenza a Porto Potenza Picena niente da ridire, ma per quanto riguarda l’intervento sul Piazzale Santa Croce prevedendo l’asfalto si rimane inorriditi dalla scelta, che penso non sia stata condivisa dalla Soprintendenza di Ancona.02 DSC2500

Tutto l’intero quartiere di Galiziano, le Vie S. Croce, Carlo Zima, Le Rupi, Piazzale San Martino, Vico della Libertà, Vico del Ponte, Galvani e Volta, sono pavimentate correttamente e non si capisce il motivo per cui nel caso del Piazzale Santa Croce si debba deturpare l’intero contesto con l’asfalto. La decisione va comunque cambiata, prevedendo la pavimentazione, che costerà sicuramente di più dell’asfalto, ma sarà eterna ed in armonia con tutto il contesto della pavimentazione del quartiere.

Nel 2001 il sottoscritto, don Carlo Leoni e Bruno Grandinetti siamo riusciti a convincere il Sindaco dell’epoca Mario Morgoni a cambiare il progetto del Piazzale San Martino e Vico della Libertà, sostituendo l’asfalto con una bellissima pavimentazione che oggi tutti possono ammirare, che ha trasformato questi spazi come i più belli dell’intero Centro Storico di Monte Santo.

Sindaco Noemi Tartabini, assessore ai lavori pubblici, architetto Luisa Isidori, non asfaltate il Piazzale Santa Croce e cambiate il progetto prevedendo la pavimentazione. L’area del piazzale è di soli 200 mq.

Il Piazzale in oggetto, ad oggi senza una denominazione ufficiale, potrebbe essere intitolato a padre Pietro Lavini (al secolo Armando), il "muratore di Dio" che ha ricostruito il Santuario di San Leonardo sui Monti Sibillini, nato a Potenza Picena il giorno 7 Luglio del 1927 a pochi metri da questo Piazzale, in Via Santa Croce n° 379, da Nazzareno e da Palma Reucci e morto il giorno 9 Agosto del 2015 all’Ospedale di Amandola.

Sarebbe una scelta molto intelligente e saggia, da adottare da parte dei nostri amministratori, insieme a quella di pavimentare il Piazzale.