• Test clinica lab
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • Astea
  • Il mondo delle fiabe
  • Emigrazione
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Menghini
  • Sottosopra
  • BCC
  • Astea 2020
  • Avis
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

a cura di Paolo Onofri

POTENZA PICENA- Negli ultimi 3 anni il Vicolo Scipioni di Potenza Picena è stato sicuramente il più citato ed importante della nostra città.

Questo vicolo che da Via Cesare Battisti conduce alla piazza principale, Piazza Giacomo Matteotti, dal giorno 30 settembre 2017 (ordinanza n.188/2017) è sbarrato al transito pedonale, in conseguenza del pericolo che si può correre per i danni arrecati dalla scossa di terremoto del giorno 30 ottobre 2016 al palazzo adiacente Pierandrei.

L’attuale nome Vicolo Scipioni Mariano è stato deciso dalla Giunta Comunale di Potenza Picena in data 25/10/1945, delibera n.98, quando era sindaco della nostra città il “possidente” 3 Vicolo ScipioniAntonio Mazzoni, figlio di Paolo e di Pasqualina Borroni, nato a Potenza Picena il 6/10/1884.

All’epoca, la Giunta Comunale era composta dagli assessori: Giuseppe Ricciardi, Gildo Zucchini, Alessandro Rinaldelli, Pietro Giusti e Luigi Verrucci.

Nella stessa delibera di Giunta Comunale è stata anche dedicata a Mariano Cutini Via Massucci, vicino all’ex scuola elementare (oggi sede di uffici comunali – ufficio tecnico e servizi sociali).

La motivazione della intitolazione delle vie ai due giovani partigiani di Potenza Picena, iscritti all’Azione Cattolica ed aderenti al PCI clandestino della nostra città era la seguente:

“Nell’intento di onorare le vittime della ferocia nazi-fascista Cutini Mariano e Scipioni Mariano uccisi il 22 luglio 1944 a Montalto, tenendone vivo il ricordo nell’anima della cittadinanza”.

In precedenza il vicolo Scipioni era chiamato “Bernabei”, dal nome di una famiglia di Monte Santo.

Questo vicolo nel passato veniva anche utilizzato per le mostre marguttiane di pittura che si organizzavano d’estate a Potenza Picena.

Il palazzo che si trova salendo a sinistra nella parte finale era anticamente della famiglia Mazzagalli, poi della famiglia Pierandrei. In questo palazzo il giorno 24 dicembre del 1871 è nato il musicista Bruno Mugellini, figlio del dott. Pio, medico condotto, e della signora Maria Paganetti, famoso in tutto il mondo per il suo metodo di esercizi tecnici per pianoforte del 1911, a cui la nostra città ha dedicato il giorno 28 ottobre 1933 il Teatro Condominiale, che si trova a poca distanza dal vicolo Scipioni. Il maestro Bruno Mugellini è morto a Bologna il giorno 15 gennaio 1912.

Sempre salendo, in fondo a destra, si trovava la chiesa di San Giovanni “De Platea” (oggi sede di uffici comunali) che faceva capo alla famiglia Bonaccorsi di Monte Santo.

Negli anni Sessanta del Novecento, il vicolo è stato il soggetto di una cartolina postale dove dal vicolo si intravede la Torre Civica, cartolina edita da Giulietti Delvio di Portocivitanova, stampata dalla ditta Alterocca di Terni, molto suggestiva e bella, che mostriamo ai nostri affezionati lettori.

Ci si augura che questo vicolo caratteristico della nostra città venga riaperto ai cittadini prima possibile.