• Musei Recanati
  • Unipol
  • Test clinica lab
  • Astea
  • Il mondo delle fiabe
  • Emigrazione
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Avis
  • BCC
  • Menghini
  • Astea 2020
  • Sottosopra
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

di Stefano Mezzasoma,  gruppo consiliare M5S

POTENZA PICENA - La chiusura della scuola Coloramondo avvenuta a distanza di oltre quattro anni dalle scosse del sisma del 2016 dimostra il ritardo della Giunta Tartabini.

Con l’obiettivo di ristrutturarle effettuando lavori di miglioramento sismico le Giunte Acquaroli e Tartabini hanno chiuso prima le elementari in Piazza Douhet ed ora la scuola materna, lasciando invece ancora aperte la scuola media di Porto Potenza che il sisma aveva danneggiato e che proprio per questo a differenza delle altre due beneficia di un consistente finanziamento post sisma per la completa demolizione e ricostruzione.Mezzasoma Stefano

Tutti sanno che la scuola media è stata realizzata negli stessi anni della scuola elementare chiusa, e che ad eventuali test risponderebbe sostanzialmente allo stesso modo.

Ma allora perché quell’edifico è ancora aperto mentre gli altri sono stati chiusi?

Non solo, perché nell’edificio delle medie sono state spostate diverse classi delle elementari pur sapendo che quella suola è nelle stesse condizioni di quella di Piazza Douhet?

Le Giunte Acquaroli e Tartabini senza obiettivi strategici e senza una pianificazione sull’ edilizia scolastica ha prodotto emergenze, difficoltà e disagi per alunni, insegnanti e famiglie, e maggiori costi per la cittadinanza.

Altro che questioni “tecniche”, qui stiamo tutti pagando le errate scelte politiche.

materna Coloramondo