• Musei Recanati
  • Unipol
  • Astea
  • Test clinica lab
  • Emigrazione
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Menghini
  • BCC
  • Astea 2020
  • Sottosopra
  • Avis
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

di Noemi Tartabini, sindaco di Potenza Picena

POTENZA PICENA - Non posso non replicare alle accuse di inerzia che mi sono state mosse dal Partito Democratico circa la chiusura delle quattro sezioni scuola infanzia da parte dell' Asur.
Non posso non replicare alle accuse di inerzia che mi sono state mosse dal partito democratico circa la chiusura delle quattro sezioni scuola infanzia da parte dell’ASUR.

Approfittando del momento ultra delicato che si sta vivendo e facendo leva sulla preoccupazione legittima di intere famiglie, il Pd potentino continua in modo meschino e pericoloso a raccontare sulla stampa e a mezzo social una realtà tutta sua, ma falsa.

al pd va ricordato che un sindaco o un amministratore non può e non deve muoversi seguendo sensazioni o calpestando i ruoli.

Gli unici irresponsabili sono chi diffonde notizie all’interno della comunità senza essersi neanche accertato di come dirigente scolastica e sindaco si sono mosse nei confronti della situazione covid nel plesso dell’infanzia “Coloramondo”.Tartabini Noemi

Il giorno 3 marzo il sindaco e la dirigente scolastica di porto potenza contattano l’ASUR per condividere situazione covid circa due sezioni della scuola dell’infanzia chiedendo se ci sono i presupposti per chiudere tutta la scuola dell’infanzia in via cautelare. La stessa ASUR afferma che solo 1 sezione era stata posta in quarantena e quindi non c’erano i requisiti per la chiusura.

Il giorno successivo, 4 marzo, l’ASUR con risultati di nuovi tamponi, pone in quarantena altra sezione ed emana, pertanto, provvedimento di chiusura di tutto il plesso (quattro sezioni) scrivendo: “con quattro alunni positivi in una sezione e un insegnante in un’altra sezione. Tale numero di casi confermati si può considerare un cluster”.

Il Pd nomina l’ordinanza del 25 febbraio di chiusura del sindaco di Montecosaro (o meglio vicesindaco) senza conoscere affatto la situazione di quel comune a livello di contagi e cioè che il Comune di Montecosaro nel periodo 22-28 febbraio ha avuto un delta di crescita del 57,8 e con 614,50 casi su 100.00 abitanti collocandosi, purtroppo, al terzo posto nella graduatoria stilata dal servizio sanità regionale; mentre nello stesso periodo il Comune di Potenza Picena si trovava al tredicesimo posto con un delta di crescita del 26,3% e con 238,36 casi sempre 100.00 abitanti.

inoltre, se il Pd leggesse bene l’ordinanza scoprirebbe che anche nel comune di Montecosaro, la scuola l’ha chiusa l’ASUR proprio come la stessa ASUR ha disposto la chiusura della nostra infanzia di Porto Potenza. semplicemente perché questo e’ l’iter che riporta le “indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di sars-cov-2 nelle scuole (Istituto Superiore di Sanità , ministeri della salute e dell’istruzione, INAIL). La chiusura della scuola in questa emergenza sanitaria deve essere valutata dal dipartimento di prevenzione in base al numero di casi confermati e di eventuali cluster e del livello di circolazione del virus all’interno della comunità. Solo il dipartimento di prevenzione ha sottomano in tempi utili questi dati.

Pertanto, caro Pd, il Sindaco Tartabini le scuole le potrebbe anche chiudere dopo attente valutazioni e confronti con gli altri organi preposti ( come accaduto tra l’altro nelle scorse settimane con ordinanza chiusura neve scuola capoluogo ) quando, pero’, ci sono i presupposti, e no quando il Pd lo chiede solo per strumentalizzare e andare sul giornale.

Il diritto alla salute e il diritto all’istruzione sono entrambi da tutelare con forte senso di responsabilità. Il sindaco e l’amministrazione comunale tutta, continuerà a confrontarsi e a monitorare la situazione locale con dirigenti scolastici, azienda sanitaria, regione e prefettura, nonché ad ascoltare e supportare i cittadini.

Al Pd chiediamo, ancora una volta, atteggiamento corretto e opposizione costruttiva soprattutto nel rispetto di chi sta lavorando per fronteggiare una situazione nuova e nefasta e soprattutto nei confronti dei cittadini tutti.