• MyRecanati
  • bcc 2022
  • Unipol
  • bcc 2022 06
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • avis
  • Croce gialla
  • Astea
  • Astea 2020
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

nota del PD

POTENZA PICENA -  L’acquisizione di Villa Bonaccorsi al patrimonio pubblico da parte del ministro Franceschini è stato un passaggio di valore storico per il territorio.

Una scelta capace di offrire opportunità di sviluppo economico ma anche di progresso culturale e civile.villaBproloco

Per quella scelta il Partito Democratico ha impegnato tutte le sue energie sensibilizzando, coinvolgendo e promuovendo iniziative: lo hanno fatto il circolo di Potenza Picena, il gruppo consiliare della Regione Marche e il deputato Mario Morgoni.

Quella scelta era il primo passo di un percorso. E a quel punto il testimone è passato gli amministratori del territorio, da quelli comunali a quelli regionali che erano chiamati a svolgere un ruolo concreto e incisivo a garanzia degli interessi della comunità.

Il gruppo consiliare PD aveva chiesto un nuovo incontro della commissione che non si riuniva da lungo tempo. Così il 15 marzo in commissione abbiamo proposto all'amministrazione di chiedere subito al ministero l'affidamento al Comune della gestione temporanea della Villa.

Eravamo mossi dalla preoccupazione sia per le manutenzioni ordinarie e degli spazi esterni, sia perché è fondamentale ripristinare velocemente la possibilità per cittadini, turisti ed associazioni di poter accedere ed usufruire di quegli spazi per le più svariate iniziative (eventi culturali, visite guidate, manifestazioni, matrimoni, etc…).

La richiesta è stata inoltrata con oltre un mese di ritardo e non è stata accompagnata da un concreto confronto con il Ministero - magari sostenuto dalla Regione - finalizzato a questi obiettivi.

Tali rapporti e situazioni vanno non solo monitorate dall'ente locale, ma anche dalla Regione, a maggior ragione quando il presidente di Regione è stato sindaco di quel comune!

Purtroppo i fatti di questi giorni, dall’annullamento di eventi programmati alla fruizione pubblica della villa preclusa, le sorti incerte della manutenzione del giardino testimoniano come gli amministratori locali e regionali non siano in grado di giocare un ruolo da protagonisti in questa vicenda.