• Musei Recanati
  • MyRecanati
  • BCC borse di studio 2022
  • 1
  • 2
  • 3
  • BCC 07 2022
  • avis
  • Astea
  • 1
  • 2
  • 3

POTENZA PICENA - Il Futsal Potenza Picena non perde tempo e annuncia subito il primo innesto: Alessandro Palumbo, laterale classe 1989.

Dotato di grande corsa e tecnica, Palumbo può ricoprire più zone del campo, calciando egregiamente con entrambi i piedi.

Un giocatore “formato” che tanto serviva all’organico giallorosso e voluto fortemente dal direttore Simone Consolani. Palumbo

Alessandro è un calciatore di futsal da ben 10 anni, ha vestito maglie importanti come quelle di Cus Macerata, Marian Futsal, Caserta Futsal, Casagiove e Junior Domitia.

Con quest’ultima, ha realizzato 22 gol tra campionato e Coppa nella stagione appenata terminata. Il suo contributo al Domitia è stato fondamentale per raggiungere, addirittura, i quarti di finale playoff di Serie B e la Final Eight di Coppa Italia.

“Appena ho concluso la mia esperienza al Domitia, il mio desiderio era quello di vivere un’esperienza fuori regione – racconta Palumbo -. Tra le varie opportunità che si sono presentate grazie alla Lateral Management, quella che più mi ha intrigato è stata quella del Futsal Potenza Picena. Sono bastate poche parole con il direttore Consolani per capire la filosofia della società, molto simile al mio modo di vedere il Calcio a 5. Non vedo l’ora di conoscere i miei nuovi compagni, lo staff tecnico e la dirigenza. Spero di raggiungere, insieme alla società, quello che quest’anno abbiamo sfiorato: la promozione in Serie A2”.

Non può che sorridere anche Consolani: “La trattativa è stata velocissima con Alessandro. E’ stato presentato al nostro club da Matias Lara, ho visto alcuni video e mi è subito piaciuto, anzi entusiasmato. E’ un gran bel giocatore. Mi sono informato, chiunque mi parlava benissimo di lui come calciatore ma soprattutto come persona. Mi sono confrontato con il nostro staff tecnico e nessuno ha esitato nel decidere. La trattativa è stata chiusa credo in 24 ore. Sono molto felice per come siano andate le cose. Alessandro non deve sentire il peso del suo nome, deve arrivare qua per divertirsi, stare bene e logicamente fare il suo dovere da calcettista. Su questo però non ho dubbi, è un ragazzo veramente professionale. I risultati personali e di squadra arriveranno sicuramente se si troverà felice e in un ambiente sereno”. E ancora: “Ho la fortuna di far parte di una società che mi affida il mercato a mio piacimento, spero di essere in grado di regalarle qualche soddisfazione, come è successo nella stagione da poco terminata”.