• avis
  • iGuzzini
  • BCC 07 2022
  • croce gialla 2022
  • MyRecanati
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

POTENZA PICENA - "Sono passati più di sei mesi dal Consiglio comunale del 5 marzo 2022 nel quale discussi la mia interrogazione, protocollata in data 18 gennaio 2022, per capire per quali motivi non era ancora stata realizzata la “casetta dell’acqua” nel centro storico di Potenza Picena", scrive Stefano Mezzasoma, consigliere comunale M5S (nella foto la casetta già in funzione a Porto Potenza).

Che aggiunge: "Il mio era un tentativo di sollecitare tale realizzazione e provare anche a ragionare di una ubicazione differente rispetto a quella infelice in Piazza Garibaldi decisa dalla Giunta Tartabini. Se sul dove farla non ci fu nessuna apertura ad una riflessione ulteriore da parte dell’amministrazione, sul quando la giunta offrì proprie rassicurazioni dicendo che: lo stato dei lavori era molto avanzato, il contratto con il gestore era già stato firmato, il dispositivo erogatore era già stato montato e per metà pagato, i tecnici del comune insieme ad una ditta esterna stavano seguendo l’iter per l’allaccio dei servizi e che, in tempi molto brevi, la casetta dell’acqua sarà inaugurata. Sono trascorsi quasi sette mesi nei quali non solo non c’è stata l’inaugurazione, ma non c’è stata nemmeno alcuna informazione da parte della giunta. Cos’è successo: ripensamenti, problemi nuovi intervenuti o, forse, non era tutto così pronto come rappresentato in consiglio ad inizio marzo? Perché tutto questo ritardo e tutto questo silenzio per un servizio atteso dai cittadini che diedero vita anche ad una raccolta firme dedicata per sollecitarne la realizzazione? La giunta Tartabini dia almeno delle spiegazioni!"

kas ppp