• Il mondo delle fiabe
  • Benefisio
  • Musei Recanati
  • BCC conto giovani
  • Pallacanestro recanati
  • Unipol
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Gran tour
  • Infinito villa colloredo
  • CPL
  • Banca MC GIF
  • Antonio Bravi A
  • Antonio Bravi B
  • Marabini
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Nota del Comune

RECANATI - Tutto pronto per la Tirreno - Adriatico 2019. Con la cronosquadre di oggi a Lido di Camaiore iniziata la 54° edizione della corsa dei due mari che domenica 17 marzo arriverà a Recanati.

Cresce l'attesa per un evento che porterà nuovamente il grande ciclismo in città, a sette anni di distanza dal Giro d'Italia.

Questa volta piazza Giacomo Leopardi non sarà sede di partenza come avvenuto nel 2012, ma di arrivo al termine di un circuito spettacolare da ripetere tre volte con le salite di San Pietro e Porta d'Osimo (nella foto) dove sarà ricordato Michele Scarponi.

Il tutto davanti alle telecamere che proietteranno le immagini in 183 paesi al mondo, per un eccezionale veicolo promozionale.IMG 20190313 WA0003

La quinta tappa, che partirà da Colli al Metauro, si preannuncia come quella decisiva per la classifica finale con i campioni del pedale a sfidarsi sulle salite del colle leopardiano nell'anno del bicentenario dalla stesura de l'Infinito di Giacomo Leopardi. Dal campione in carica al Tour de France Geraint Thomas, a Vincenzo Nibali che la Tirreno - Adriatico l'ha vinta due volte, ricco il parterre dei big al via con 23 squadre.

Anche la Tirreno Adriatico celebrerà i duecento anni dalla stesura de l'Infinito.

La corsa dei due mari arriverà sul colle più famoso del mondo per un omaggio a Giacomo Leopardi e al suo celebre componimento scritto nel 1819 e il circuito finale della quinta tappa si correrà tutta sul colle leopardiano in un percorso da ripetere tre volte con l'arrivo in piazza Giacomo Leopardi.

La Colli al Metauro - Recanati di 178 km comincia con un avvio in semi-circuito attraverso Saltara, Calcinelli e Lucrezia per portarsi a Recanati attraverso strade prevalentemente piatte. Giunti a Loreto iniziano le salite che in sequenza saranno 7, più o meno ripide con un circuito di 22.3 km da ripetere 3 volte caratterizzato da due Muri di cui quello più vicino al traguardo con pendenze anche attorno al 18%.

Tutte le informazioni organizzative, su viabilità e parcheggi sono disponibili su:

https://www.comune.recanati.mc.it/;

https://www.facebook.com/tirrenoadriaticorecanatiinfo/ 

 https://www.instagram.com/tirrenoadriaticorecanatiinfo 

"A Recanati di sicuro vincerà un campione" è la previsione di Ivan Basso che nei giorni scorsi è stato a Recanati per presentare la tappa -. Ci sono tutte le componenti per rendere una giornata complicata ai corridori, anche perché siamo nella parte finale della corsa e la stanchezza dei giorni precedenti si farà sentire. La Colli al Metauro - Recanati sarà la tappa decisiva per la vittoria finale in quanto difficilmente la classifica potrà cambiare il lunedì e nella cronometro conclusiva. Non è detto che sia uno scalatore a vincerla. Anche se impegnative e spettacolari, le salite non sono lunghe e in questa parte della stagione anche un ciclista particolarmente veloce ha le caratteristiche per poter dire la sua in una tappa del genere. Di sicuro deve essere un atleta completo, appunto un campione. La Tirreno Adriatico si svolge su territori bellissimi ma che non ti permettono mai un attimo di distrazione vista la loro conformazione. Non puoi andare in scia del gruppo o sfruttare la sua pancia, devi interpretare la corsa sempre da protagonista, ottimizzare al meglio le risorse della squadra, prendere le salite e le discese davanti e spendere il meno possibile per recuperare se sei dietro".

circuito