• BCC conto giovani
  • Il mondo delle fiabe
  • Musei Recanati
  • Pallacanestro recanati
  • Unipol
  • Palio 2019
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Infinito
  • Gran tour
  • CPL
  • Banca MC GIF
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

 RECANATI/MONTEFANO - Piermarino Simonetti dal suo blog "Il Caffè Illumimista" ci fornisce una chiave di lettura nuova sul destino del castello di Montefiore (nella foto in un disegno di primo '800 del fondo Liverani l'interno del castello), di proprietà del comune di Recanati, ma posto a 500 mt. dal confine con Montefano.

Scrive Simonetti.

Con le due candidate alla carica di Sindaco del Comune di Montefano, l’una di nascita, con gli oggettivi ed i forti legami di Anastasia Accattoli; l’altra, Angela Barbieri che ricopre da tantissimi anni, come funzionario a capo di importanti servizi municipali di Recanati; la questione della Frazione di Montefiore, potrebbe avere uno sviluppo favorevole ai residenti attorno al famoso quanto dimenticato castello e torre.Strada

Entrambe possono vantare, a diverso titolo, sia la conoscenza del territorio che delle problematiche oramai quasi secolari della frazione così vicina ed importante per Montefano, ma lontana, come denunciano i suoi abitanti sulla stampa, non solo in termini di distanza chilometrica, quanto di politiche, dal centro all’estrema periferia.

La maturità dei tempi con le due candidate Sindaco di Montefano, potrebbe riavvicinare i due Comuni, dopo alcune incomprensioni, dalle quali, una su tutte, il distacco dei distretti scolastici con l’accorpamento di Montefano ad Appignano.

Certo che una sensibilità, se presente, come ci auguriamo, della futura Sindaca montefanese, dovrà avere, da parte recanatese eguale attenzione verso la storica questione di Montefiore.

Di fatto, la contiguità urbana, è soltanto il tratto architettonico dei legami parenterali, delle attività commerciali ed economiche fra le due comunità, nati nei secoli.

Ora, lo sviluppo di interessanti filiere agroalimentari, unite alle storiche relazioni socio economiche, come traino al turismo, possono avere per le due comunità, motivo di accurata riflessione.

L’opportunità della campagna elettorale in entrambi i Municipi, lavorando come volano di idee, stimolo e freschezza di volontà, è il tavolo ideale per avviare il dibattito necessario.

Gli orizzonti delle nuove amministrazioni pubbliche, sempre più spesso, rivolgendosi a trovare sinergie in grado di sopperire agli organici e dove possibile a mettere in comune risorse per progetti, comprendono il bisogno di pensare insieme ad altre, soluzioni capaci di incontrare l’interesse reciproco.

In questo modo, molte delle difficoltà logistiche della Frazione di Montefiore, proprio grazie alle possibilità messe a disposizione dagli strumenti tecnologici ed informatici, nonché alla prossimità territoriale, potrebbero avere una opportunità di soluzione.

La messa in rete di alcuni Servizi, la distribuzione di stampati, e soprattutto il Servizio di Nettezza Urbana, RSU es Igiene Urbana, pensati in un’area più vasta di quelle dei due singoli territori, adeguatamente organizzati in comune, potrebbe essere di vantaggio per entrambe le Comunità.

Dei benefici sul turismo se ne è parlato tanto in passato per valorizzare mutualmente i luoghi, ma poco si è poi fatto.

Opportunità ne verrebbero anche per l’offerta socio culturale. Delle Scuole si è detto sopra e penso che ci sia una convergenza nella necessità di un ripensamento rispetto a quanto fatto negli ultimi anni.

Pensare alle opportunità in questo periodo di idee nuove, sarebbe stimolante per un dibattito a tutto tondo, su di progetto territoriale. Ma altro ci sarebbe ancora, oltre questa riflessione Pasquale.