• Teatro persiani
  • Unipol
  • Il mondo delle fiabe
  • Pallacanestro recanati
  • Astea
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • CPL
  • Paesaggio
  • Banca MC GIF
  • 1
  • 2
  • 3

Nota di Fratelli d'Italia

RECANATI - Apprendiamo dai giornali che il Sindaco Antonio Bravi ha effettuato le nomine dei posti spettanti all'Amministrazione comunale nei vari enti e società partecipate dalla Città. Non possiamo fare a meno di sorridere tenendo conto di diversi aspetti, ma procediamo con ordine.

Innanzitutto notiamo che ben tre nominati sono persone che hanno rifiutato il posto di Consigliere comunale, dando all'epoca motivazioni tra le più disparate.

Sul profilo Facebook di uno di questi si legge chiaramente: “I miei impegni non mi lasciano il tempo necessario per prepararmi a dovere nel ruolo che avrei rivestito … c’è chi di politica ci vive e mangia e c’è chi cerca solo il bene della propria città”. Ora, avendo piazzato questi tre nominativi – tra l’altro tutti e tre candidati con la lista Vivere Recanati Fiordomo – in tre società diverse (Astea, DEA e Centro Marche Acqua) ci chiediamo se quelle dimissioni al tempo siano state rassegnate per “impegni inderogabili” o perché si era già certi di incarichi di rilievo come quelli che gli sono stati riservati. ce4dd598 6ccc 4483 955e 45d5abf4664f

Senza contare che il Comitato di Vigilanza della DEA non ci sembra proprio una passeggiata di salute né meno gravoso dell’incarico di consigliere comunale.

Sempre sulle nomine Ircer, ci sorprende la nomina di Cristina Brunelli, candidata alle scorse elezioni comunali con il Movimento 5 Stelle.

Ad un occhio disattento potrebbe sembrare un’apertura alle opposizioni, cosa che le avrebbe fatto ulteriormente onore.

Invece per bocca di una delle voci forti del Movimento 5 Stelle cittadino, l’ex-consigliera comunale Susanna Ortolani, scopriamo tutt'altro scenario.

“Mi è stato rinfacciato di non avere partecipato ad una campagna elettorale a mio avviso piatta …che non mi è piaciuta affatto ma che evidentemente è piaciuta molto al sindaco Bravi che ha pensato bene di ringraziare l’attuale portavoce del Movimento 5 Stelle recanatese, Stefano Gurini, concedendogli un posto nel CdA dell’Ircer.

E quest’ultimo … ha deciso di cedere il posto a Cristina Brunelli ... siamo diventati i ‘rappresentanti di Bravi’?

No, grazie…veramente pensate che Bravi metterebbe dentro qualcuno che potrebbe anche solo minimamente rompergli le uova nel paniere?” scrive l'ex consigliera comunale sul suo profilo Facebook.

Sembra quasi che Recanati, con questo novello asse Sinistra-M5S, rappresenti un vero laboratorio per i prossimi scenari nazionali.

Il cambiamento continua, non c’è che dire.