• Pallacanestro recanati
  • Il mondo delle fiabe
  • Teatro persiani
  • Astea
  • Musei Recanati
  • Unipol
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • Banca MC GIF
  • Banca MC2
  • CPL
  • Paesaggio
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

RECANATI – Il piazzale tra l’ex Campo Boario e Viale Adriatico sarà intitolato all’agente di polizia, medaglia d’oro al valor civile, Roberto Antiochia, alla presenza del Capo della Polizia-Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli.

“Il comune –scrive il sindaco Antonio Bravi- è da sempre impegnato nel combattere le violenze e i soprusi, e sensibile nel valorizzare coloro che per attaccamento al proprio dovere, giungono all’estremo sacrificio”.

L'intitolazione è fissata per lunedì 23 settembre alle ore 10.45.antiochia roberto divisa

Antiochia venne assassinato dalla mafia in giovane età mentre accompagnava in auto il commissario Ninni Cassarà, anche lui trucidato nell’agguato.

“La cerimonia –prosegue il sindaco Antonio Bravi- si svolgerà alla presenza dei ragazzi delle scuole recanatesi con l’intento di condividere un momento di riflessione con le giovani generazioni su un fenomeno che deve essere contrastato oltre che con il quotidiano grande impegno delle forze dell’ordine e di molti magistrati, con la consapevolezza di una comunità solidale e corresponsabile, partendo dalle istituzioni, facendo dell’impegno non solo una parola, ma un comportamento quotidiano”.

Allo scoprimento della targa ed intitolazione del piazzale saranno anche presenti il Prefetto Iolanda Rolli ed il Questore di Macerata, dott. Antonio Pignataro.

cassara antiochia 2

Il 6 agosto 1985, mentre accompagna il Vice Questore Cassarà presso la sua abitazione in via Croce Rossa a Palermo, un gruppo di nove uomini armati di kalashnikov, appostati nel palazzo di fronte a quello dove vive il vice questore, cominciano a sparare sull'Alfetta di scorta.

Antiochia, cercando di fare scudo con il suo corpo a Cassarà, sceso dall'auto per raggiungere il portone di casa, rimane ucciso dagli spari. Cassarà, rimasto ferito dagli innumerevoli spari dei mitra, riesce a raggiungere il portone, ma spira sulle scale di casa tra le braccia della moglie Laura, accorsa dopo aver visto l'accaduto insieme alla figlia dal balcone della sua abitazione.