• Astea
  • Musei Recanati
  • Emigrazione
  • Unipol
  • Il mondo delle fiabe
  • Pallacanestro recanati
  • Test clinica lab
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Sottosopra
  • Banda
  • BCC
  • Banca MC
  • Astea 2020
  • Menghini
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

RECANATI -  E dieci: il concorso letterario nazionale “Raccontar … Scrivendo”, promosso da La Casetta degli Artisti – Recanati in collaborazione con il Comune, il patrocinio della Regione e di altri enti e istituzioni pubbliche e private, è giunto alla fase finale di un’edizione che ha registrato, nonostante le problematiche emerse con il Coronavirus, una grande partecipazione.

La conferma di come, pensando a tale iniziativa, i promotori siano riusciti a concretizzare un progetto coltivato per anni e che ha il suo punto di forza nella possibilità di trasmissione degli elaborati sul web.

L’obiettivo che ci si è dati (e che è sempre stato rispettato) è quello di divulgare e far conoscere ulteriormente la poetica leopardiana come pure la nostra città a tutti gli studenti di ogni scuola d’Italia ed alle loro famiglie.

Un plauso va rivolto a tutti i componenti della commissione giudicatrice che hanno lavorato incessantemente anche durante i mesi estivi pur di poter visionare e giudicare gli elaborati.

Da ogni parte d’Italia gli studenti, dalle primarie alle secondarie di secondo grado, hanno confermato, semmai ce ne fosse bisogno, il grande fascino di Giacomo Leopardi, capace oggi, a distanza di più di 200 anni, di essere quanto mai attuale. 

Oggi presso l’Aula Magna del Comune, si terrà in due distinti momenti, a partire dalle ore 9,30 (nel rispetto delle norme anti-Covid), la cerimonia di premiazione che vedrà protagonisti i vincitori provenienti da ogni parte d’Italia e che contribuiranno ulteriormente a rafforzare il legame tra turismo e cultura.

Il Concorso propone un Leopardi giovane, capace di interloquire al meglio con i ragazzi che si sono entusiasmati con le loro riflessioni sulle tematiche proposte.

Dalla Sicilia al Piemonte, al Friuli e via dicendo, tantissime scuole sono state le protagoniste di quella che possiamo definire un’edizione “diversa” per il particolare momento che stiamo vivendo. 

Un ringraziamento forte a tutti coloro che hanno sostenuto questa iniziativa e credono fortemente al valore della cultura, ai componenti della commissione, agli studenti ed ai loro docenti oltre che alle famiglie.logo passero solitario