• Emigrazione
  • Musei Recanati
  • Astea
  • Pallacanestro recanati
  • Unipol
  • Test clinica lab
  • Il mondo delle fiabe
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • BCC
  • Sottosopra
  • Astea 2020
  • Banda
  • Menghini
  • Banca MC
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

RECANATI - Con le due Ordinanze oggi emanate dal Commissario Straordinario, Giovanni Legnini, arrivano le nuove regole per accelerare le opere pubbliche legate alla ricostruzione del Centro Italia dopo il sisma del 2016, circa 1.300 interventi già finanziati con 1,6 miliardi di euro, molti dei quali in grave ritardo di avanzamento.

Con una specifica circolare si attua, inoltre, un’ulteriore semplificazione delle domande per la riparazione dei danni lievi alle abitazioni attese entro il prossimo 30 novembre.

L’Ordinanza sulla ricostruzione pubblica ridefinisce l’elenco delle opere legate alla ricostruzione, con alcune riprogrammazioni e l’inserimento di nuovi interventi: quelli attualmente finanziati, tenuto conto anche di quelli già realizzati, sono 1.288, una parte dei quali, 482, devono ancora essere avviati.

firmaordinaProprio per questo l’Ordinanza stabilisce che i Comuni e le stazioni appaltanti provvedano entro il 31 marzo 2021 all’affidamento di tutti gli incarichi di progettazione, ma che ancor prima, entro il 31 dicembre di quest’anno, trasmettano al Commissario un cronoprogramma dettagliato di tutte le fasi per la definizione dell’appalto e l’esecuzione delle opere.

Le Regioni vengono invitate a individuare una Centrale Unica di Committenza, che potrà avvalersi anche di Invitalia per la predisposizione degli appalti, con la possibilità di identificare gli stessi Uffici Speciali della Ricostruzione come soggetti attuatori degli interventi.

L’Ordinanza, inoltre, dà attuazione a tutte le norme di semplificazione degli appalti contenute nei recenti provvedimenti del governo, e disciplina l’utilizzo delle economie derivanti dai ribassi d’asta, che vengono destinate alla realizzazione di nuove opere.

Le risorse disponibili per le opere contenute nell'elenco unico ammontano a 945 milioni per le Marche.

Questi gli interventi compresi (tra attuati, in esecuzione, da cantierare):

Recanati:OutlookEmoji 1604589779628041ae37f bc6b 4e39 9964 8daf91754a0e
IIS “Bonifazi” 6.244.000 €
Palazzo Comunale 1° stralcio 7.467.000 €
Palazzo Comunale 2° stralcio Palazzina funzioni strategiche 832.000 €
Nuova scuola primaria “B. Gigli” 3.740.000 €

Montelupone:
Scuola Materna “Ancelle Sacro Cuore di Gesù Agonizzante” 1.000.000 €
Palazzo Comunale 2.100.000 €

Appignano:
Edificio ex Circolo Cittadino 423.000 €
Scuola Secondaria Primo Grado IC “Luca della Robbia” 635.000 €

Montecassiano:
Palazzo dei Priori 920.000 e

Potenza Picena:
Edificio Ufficio Tecnico Comunale 1.356.000 €
Asilo Nido 584.000 €
Scuola Media “Raffello Sanzio” 3.410.000 €

Montefano:
Scuola Primaria “Falcone e Borsellino” 1.400.000 €