• MyRecanati
  • croce gialla 2022
  • BCC 07 2022
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

P 20221126 114916 vHDR OnP 20221126 114031 vHDR On

RECANATI - Nel corso di una cerimonia nella sala convegni del Centro Nazionale Studi Leoaprdiani il FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano ETS e il Centro Nazionale di Studi Leopardiani hanno presentato L’Infinito (2021), opera di Ester Pasqualoni (Roma 1980) donata al FAI da miramART by Andrea Fustinoni e Fabio D’Amato (Santa Margherita Ligure) per l’Orto sul Colle dell’Infinito bene affidato in concessione alla Fondazione nel 2017 in virtù dell’accordo tra Comune di Recanati, FAI, Centro Nazionale di Studi Leopardiani e Centro Mondiale della Poesia e della Cultura “Giacomo Leopardi”.

L’opera, allestita nella Biblioteca del Centro Nazionale di Studi Leopardiani, arricchisce l’attuale percorso di visita inserendosi con profondità di senso e raffinatezza di gusto nel racconto de L’Infinito di Giacomo Leopardi realizzato dal FAI, che consiste in un percorso multimediale immersivo che guida il pubblico a una lettura approfondita della poesia, introducendo così all’esperienza di visita dell’Orto.

Nell’opera l’artista ha inciso manualmente su una lamina di piombo il capolavoro di Leopardi in alfabeto braille: un invito ad andare oltre la visione del reale e i limiti della vista fisica utilizzando il linguaggio per i ciechi come fosse scultura di luce. L’opera ha la forma di un kakemono, dove la stoffa e la carta sono state sostituite dal piombo e le bacchette in legno da tondini in ottone.

L’aspetto tridimensionale è accentuato dalla scrittura braille che emerge dal piombo.facebook 1669459117694 7002219055183157193

L’intuizione di incidere in braille L’Infinito di Leopardi è stata la naturale conseguenza del percorso personale e artistico di Ester Pasqualoni, che nel 2015 ha intrapreso il proprio “viaggio verso lo sguardo interiore”, come lei stessa racconta, dopo aver conosciuto il pianista Luciano Lanfranchi, per il quale la perdita della vista da bambino è stata la via che l’ha condotto alla musica.

La visita dell’artista all’Orto sul Colle dell’Infinito nel 2019 ha rafforzato la sua ricerca: è stata profondamente emozionante e ispiratrice, in particolare, l’esperienza immersiva ideata dal FAI nella Visita guidata dentro la poesia, dove tutto evidenzia come Leopardi inizi a immaginare e sentire l’infinito partendo dall’impedimento visivo della “…siepe, che da tanta parte dell’ultimo orizzonte il guardo esclude”.

Per Ester Pasqualoni, infatti, la vista fisica è spesso un limite alla percezione di se stessi e solo l’immaginazione può illuminare la realtà dell’uomo e del mondo in cui è immerso. “L’opera L’Infinito è la meta di un percorso iniziato dal desiderio di conoscere l’ignoto mondo della cecità che sentivo collegato al mio vissuto personale e alla mia crescente esigenza di luce”, afferma l’artista.

L’opera, allestita in modo permanente nella Biblioteca del Centro Nazionale di Studi Leopardiani, è stata presentata oggi, sabato 26 novembre 2022, nella sala conferenze “Franco Foschi” del CNSL a Recanati.

All’evento hanno partecipato Fabio Corvatta, Presidente del Centro Nazionale di Studi Leopardiani; Daniela Bruno, Vice Direttrice Generale FAI per gli Affari Culturali; Aldo Grassini, Direttore Museo Tattile Omero di Ancora; Ester Pasqualoni, artista; Andrea Fustinoni, donatore; Laura Suzzani, Responsabile FAI Coordinamento Offerta di Visita nei Beni; Suor Barbara Brunalli, Responsabile Istituto Villaggio delle Ginestre di Recanati.

Il FAI è particolarmente grato ai donatori e all’artista, che ha tradotto in quest’opera, con sensibilità e originalità, il senso profondo dell’esperienza de L’Infinito, che si sente quando non si vede, prendendo a prestito proprio le parole di Leopardi.

Ester Pasqualoni , nata a Roma nel 1980, dopo la laurea in Lettere e Filosofia, con indirizzo Storico Artistico, conseguita presso l’Università La Sapienza di Roma, prosegue la ricerca storico artistica pubblicando su riviste scientifiche come il “Bollettino d’Arte”.

Dopo il trasferimento in Liguria, avvenuto nel 2010, affianca alla ricerca storico artistica quella visiva cominciando a sperimentare un linguaggio personale che parte dalla sua sensibilità, arricchita dalla conoscenza del passato. Dopo la partecipazione ad alcune mostre collettive in Liguria e a Milano decide di dedicarsi totalmente allo sviluppo del proprio linguaggio artistico attraverso l’approfondimento dell’arte contemporanea e la continua sperimentazione in studio.

Nel 2019 progetta e realizza, con la cura di Aldo Iori, DONUM percorsi d’arte contemporanea nei luoghi del sacro, con installazioni in cinque luoghi storici nel Parco di Portofino e nel Tigullio di cui nel 2020 è stato pubblicato il catalogo. Attualmente continua la sua ricerca partecipando a mostre e realizzando progetti con istituzioni legate alla tutela del patrimonio e all’arte contemporanea.
Sue opere sono presenti in collezioni, fondazioni ed edifici sacri. Vive e lavora in Liguria.

La presentazione dell’opera L’Infinito di Ester Pasqualoni sarà l’occasione per raccontare l’avvio, anche all’Orto sul Colle dell’Infinito, del progetto del FAI per l’accessibilità dei Beni che gestisce, volto a coinvolgere sempre più persone nella scoperta del patrimonio di storia, arte e natura dell’Italia elevando gli standard di accoglienza inclusiva dei Beni e avviando a questo scopo collaborazioni con enti locali e nazionali, associazioni, istituti scolastici e universitari.

All’Orto sul Colle dell’Infinito il FAI sta lavorando per ampliare il percorso ordinario di visita, rafforzandone l’offerta culturale accessibile attraverso visite, supporti multisensoriali, attività e laboratori inclusivi che, in un orizzonte pluriennale, verranno sviluppati insieme a diverse istituzioni.

A oggi è stata avviata una proficua relazione con l’Istituto Villaggio delle Ginestre di Recanati e il Museo Tattile Statale Omero di Ancona; nei prossimi mesi la relazione si estenderà alle altre realtà locali.

Con tali istituti si è intrapresa la progettazione per l’implementazione dei percorsi di visita; i passi successivi saranno la realizzazione e la promozione dei progetti.

P 20221126 124545 vHDR On

P 20221126 124803 vHDR On