• Emigrazione
  • Astea
  • Test clinica lab
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Avis
  • Astea 2020
  • BCC
  • Menghini
  • Sottosopra
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Nell'ambito della rassegna "I giovedi' con l'Autore", giovedi' 25 novembre alle ore 17,30 presso la Sala Stemmi del Palazzo Comunale presentazione del libro di Ruggero Giacomini : "La rivolta dei bersaglieri e le giornate rosse".collez-carelli-001

Programma: Saluto del Sindaco Francesco Fiordomo e dell'Assessore alle Culture Andrea Marinelli.

Interventi: Vittoriano Solazzi - Presidente del Consiglio Regionale Regione Marche  e di Ruggero Giacomini, autore del libro

A 90 anni dai moti rivoluzionari di Ancona e delle Marche, che contribuirono in maniera decisiva a impedire una guerra di conquista contro l’Albania e al rimpatrio dei soldati italiani da Valona, esce un libro che ricostruisce gli avvenimenti per la prima volta in maniera analitica sulla base di una ricca ed inedita documentazione: Ruggero Giacomini,  LA RIVOLTA DEI BERSAGLIERI E LE GIORNATE ROSSE. I moti dell’estate 1920 e l’indipendenza dell’Albania, edito dall’Assemblea legislativa delle Marche in collaborazione con il Centro Culturale Marchigiano “La Città futura”.

L’ex caserma Villarey fu il teatro principale della ribellione dei soldati dell’11° reggimento, che si rifiutarono di partire per la guerra. Secondo diverse ricostruzioni fu un recanatese da dare il via all’ammutinamento: Monaldo Casagrande. Alla fine per lui 6 anni di carcere militare e la via dell'espatrio. Molti i riferimenti storico archivistici su Casagrande che saranno, ovviamente, al centro della presentazione del libro, editodal Consilgio Regionale delle Marche.

Alla ribellione seguirono drammatiche giornate cui prese parte anche la cittadinanza di Ancona che si schierò a fianco dei militari ammutinati.

Questo libro è anche un atto di riconoscenza verso i soldati di Villarey  (nella foto la caserma) e il popolo di Ancona. Che arriva dopo novant’anni, assolutamente doveroso ed è anche un segno tangibile dell’interesse delle istituzioni al recupero di una pagina molto importante della storia del Novecento marchigiana e nazionale.