• Benefisio
  • Musei Recanati
  • Pallacanestro recanati
  • Unipol
  • BCC conto giovani
  • Il mondo delle fiabe
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • CPL
  • Banca MC GIF
  • Antonio Bravi B
  • Gran tour
  • Marabini
  • Infinito villa colloredo
  • Antonio Bravi A
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

di Michele Campagnoli, addetto stampa Volley Potentino (foto Borsini)

Da talento in erba a elemento imprescindibile nel gioco del Volley Potentino di Gianni Rosichini. Dopo un anno di rodaggio arricchito da ottimi spunti, al suo secondo Campionato con i marchigiani il centrale Jacopo Larizza sta murando gli avversari e le difficoltà con un impatto sempre più determinante.

In campo sei un “guerriero” e non molli mai.

Jacopo Larizza: “Quando inizia la partita non penso più a nulla e mi concentro solo sul gioco. La definirei una vera e propria trance agonistica che mi permette di far fronte agli acciacchi e alle problematiche extra-volley”.

Sei stato tra i migliori nei successi prestigiosi con Brescia e S. Croce.Attacco di Jacopo Larizza Scatto Giorgio Borsini

L.: “Abbiamo centrato due grandi risultati grazie alla certezza nei nostri mezzi. Al Pala San Filippo siamo riusciti a valorizzare le qualità del gruppo prevalendo contro una squadra imbattuta, mentre in casa con la Kemas siamo stati bravi a invertire la rotta dopo il giro a vuoto nel finale di primo set”.

Ora vi aspetta la spedizione in Calabria dalla Conad Lamezia.

L.: “Siamo carichi e vogliamo dare continuità alla serie di vittore, ma sarà importante rimanere ancorati a terra senza perdere di vista concentrazione e impegno. Lamezia non ci regalerà nulla. Noi daremo il massimo”.

L’aspetto mentale farà la differenza?

L.: “La tecnica resta il punto focale, ma nel volley l’approccio mentale influisce molto di più rispetto ad altri sport. E’ un attimo perdere quota se non si gioca con lo spirito giusto o si sottovalutano i rivali. Noi abbiamo patito dei cali di tensione legati all’ansia, ma siamo tenaci e vogliamo crescere su tutti i fronti”.

Da promessa a punto fermo: la tua crescita ha avuto un’impennata.

L.: “Il modo di allenarmi è immutato. Davo tutto me stesso quando nella passata stagione mi giocavo posto e minutaggio, continuo a impegnarmi al massimo per confermare le scelte del tecnico ora che sulla carta sono titolare”.

Ti aspettavi una GoldenPlast Potenza Picena così competitiva?

L.: “Ero consapevole del potenziale, dell’ottimo staff tecnico e di un organico ben assemblato, ma non mi aspettavo una tale rapidità di progressi nel gioco. Lottiamo a ridosso delle prime e questo ci gratifica”.

Dove può arrivare questo Volley Potentino?

L:”Piazzarsi tra le prime quattro è un progetto complicato, ma siamo in ballo. Abbiamo intenzione di rimanere nella parte alta del tabellone e di provarci”.