• Pallacanestro recanati
  • BCC conto giovani
  • Il mondo delle fiabe
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Grappolo
  • Gran tour
  • Leguminaria
  • CPL
  • Banca MC GIF
  • Infinito
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Dopo il famoso titolo mondiale ai campionati di vela olimpica juniores a squadre, conquistato nel 2007 sul Laser Standard, il velista recanatese già olimpico sul Finn ai Giochi di Londra 2012, Filippo Baldassari, è tornato sul gradino più alto di una competizione iridata ieri sera a Sebenico, dove si è concluso il Campionato Mondiale di Vela d’Altura ORC International, iniziato nella città croata la scorsa settimana.

Onore al 30enne atleta marchigiano, uscito lo scorso anno dalla Sezione Vela della Guardia di Finanza, che ha vinto il metallo più prezioso a bordo dello scafo civitanovese “MP30+10” del Pierdomenico Sailing Team, in gara nel gruppo B-Corinthian. Ma il suo non è stato l’unico successo per il movimento velico locale che, con “Xio” dell'Hurakan Sailing Team, capitanato da Marco Serafini, e “Altair3” di Sandro Paniccia, entrambi portacolori del Club Vela Portocivitanova, ha ottenuto anche un altro oro e un argento nel gruppo A, riservato alle imbarcazioni più grandi.

In una competizione affollata (ben 113 gli equipaggi al via, provenienti da 17 paesi), con un equipaggio di non professionisti, tutti provenienti da club marchigiani (oltre aFilippo Baldassari a bordo di MP3010 Baldassari, i civitanovesi Armando e Francesco Pierdomenico, proprietari della barca, Luca Giampaoli, Mario Buccione, Domenico Cellini oltre ai sambenedetesi Matteo Pincherle e Carlo Barbieri), MP30+10, monotipo "Farr40" preparato per competere con scafi di serie, ha espresso tutte le sue qualità velocistiche e tattiche in questa competizione, sbagliando davvero poco, nonostante fosse abbastanza penalizzato dai tempi compensati.

"Un titolo che ci ha resi felicissimi - la dichiarazione del tattico, Filippo Baldassari - Sapevamo che, per compensare un handicap abbastanza alto, dovevamo regatare senza errori tattici né di manovra e, con la coesione e l'amicizia che ci lega ormai da anni, tutto a bordo ha girato come un orologio. Ho iniziato a fare vela proprio a Civitanova Marche ed è davvero un onore portare questo titolo nella bacheca del club che mi ha fatto affacciare alla vela agonistica di alto livello".

Il podio overall del raggruppamento B vede in testa “Selene” (Massimo De Campo/YC Lignano) davanti a “Digital Bravo” (Alberto Franchi/CN Marina di Carrara) e “Mela” (Andrea Rossi/CN Marina di Carrara) con a bordo un altro portacolori del CVP, Paolo Mangialardo.

Nel Gruppo C, vittoria dell'estone “Sugar 3” (Ott Kikkas/YC Tallin) su cui ha regatato lo jesino Paolo Bucciarelli, che ha preceduto il ceco Hebe V (Zdenek Jakoubek/CYK Praha) e lo spagnolo “Tanit IV Medilevel” (M. Hosè Villa Valero/RCR Alicante), miglior equipaggio civitanovese è stato “Folgore” (Piero Paniccia/CV Portocivitanova), 12esimo al traguardo che, con l'olimpico del Laser Michele Regolo alla tattica, ha regatato al meglio ma è stato penalizzato dal rating della stazza.

La sponda orientale dell'Adriatico, le bellezze paesaggistiche dell'arcipelago croato e delle condizioni meteo-marine, con venti sempre medio-forti, ideali ma impegnative, hanno fatto apprezzare questa edizione del mondiale delle "GT del mare":

Così gli altri team marchigiani in gara:

- GRUPPO B: 19. “Adrenalina” (Bruno Bucciarelli/CN Sambenedettese), 20. “Kixx Me” (Tommaso Ronconi/Assonautica Ancona), 37. “Reve de Vie” (Ermanno Galeati/CN Sambenedettese), 41. “Che Botta” (Fabio Giaccaglia, YC Ancona),
GRUPPO C: 20. “Team Andelstanken” (Daniele Fornari/CN Falconara), 27. “Cosixty 8” (Stefano Cossiri/CV Portocivitanva), 28. “Mia” (Alessandro Pigliapoco/LNI Ancona), 31. “X-BE” (Alberto Borroni/CV Portocivitanova), 38. “Interceptor” (Luca MOsca/CN Senigallia), 41. “Sibilla2 (Vittorio Palmieri/CV.

MP3010