• Musei Recanati
  • Unipol
  • Astea
  • Pallacanestro recanati
  • Il mondo delle fiabe
  • Teatro persiani
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • CPL
  • Paesaggio
  • Banca MC2
  • Banca MC GIF
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

UniTrento – GoldenPlast Civitanova 3-1 (26-24, 25-20, 15-25, 29-27)

TRENTO: Dietre, Michieletto 17, U Pol 1, Pizzini 4, U Magalini 19, Simoni ne, Bonatesta ne, Acuti 12, L Lambrini, Coser 8, Poggio 5, De Giorgio ne, L Zanlucchi, Mussari. All. Conci

CIVITANOVA : Disabato 8, Trillini 10, U Cappio 1, Partenio, L D’Amico, Ferri 9, Maletto 1, Di Silvestre 21, Gonzi 1, U Dal Corso 2, Sanfilippo 5, Paoletti 7. All. Rosichini

Arbitri: Santoro e Usai

Note: durata set 29’, 25’, 21’, 34’. Totale 1h 49’. Trento: errori al servizio 14, ace 5, muri 9. Civitanova: errori al servizio 20, ace 4, muri 13.

di Michele Campagnoli, addetto stampa Volley Potentino (foto Mecozzi)

La striscia positiva dei biancazzurri s ’interrompe dopo tre vittorie nel Girone Bianco. La GoldenPlast Civitanova è caduta oggi per 3-1 in Trentino contro l’UniTrento di Francesco Conci nell’anticipo del settimo turno della Serie A3 Credem Banca, il primo di due turni esterni per capitan Di Silvestre e compagni. Fermi a 12 punti in classifica, gli uomini di Gianni Rosichini nell’8a giornata dovranno cancellare subito la battuta d’arresto per affrontare con il giusto piglio il secondo impegno esterno consecutivo, a Cisano Bergamasco.

Onore alle giovani stelle della formazione trentina che non si sono scoraggiate dopo un avvio di match titubante. I padroni di casa, con un buon forcing al servizio, hanno portato l’inerzia del match dalla propria parte grazie al colpo di coda nel primo parziale e a una prova quasi perfetta nel secondo set. Il merito dello spettacolo in campo va equamente distribuito con i giganti marchigiani, capaci di riaprire la partita grazie ai 21 punti del top scorer Di Silvestre, al buon lavoro del muro (13) e a un sestetto ridisegnato in corsa con gli innesti di Gonzi, Disabato, Sanfilippo e Ferri. Resta il rammarico per il numero eccessivo di battute errate(20), fattore legato a un atteggiamento molto aggressivo che ha fruttato solo 4 ace, ma anche per le occasioni sprecate nel finale di primo parziale e nella volata del quarto, con ben 4 palle set a vuoto nel finale.Azaria Gonzi Scatto di Francesca Mecozzi

Primo set rocambolesco con i biancazzurri avanti di cinque (5-10) e quattro punti (12-16), ma agganciati sul 21 e beffati ai vantaggi (26-24). Nel secondo parziale Civitanova non è scesa in campo con la giusta determinazione, mentre i trentini, galvanizzati per la precedente rimonta, hanno controllato il parziale fino al 25-20 finale. La reazione della GoldenPlast è arrivata nel terzo set con Gonzi in regia e i rivali in balia dei marchigiani (15-25). Combattutissimo il quarto parziale, con i biancazzurri avanti di 2 (18-20) ma rimontati da uno scatenato Magalini (21-20), dentro per tutto il set. Disabato e Trillini hanno portato avanti Civitanova (23-24), ma Trento ha annullato 4 palle set chiudendo poi con Coser (29-27).

Domenica 8 dicembre la GoldenPlast Civitanova torner à in campo a Cisano Bergamasco (ore 18.00) per la sfida dell’8a giornata di andata con la Tipiesse.

Palleggiatore Azaria Gonzi : “Peccato per i troppi errori banali e le battute fuori misura. Siamo dispiaciuti per aver perso la volata del quarto set. Oltretutto avevamo finito le chiamate Video Check, altrimenti la gara sarebbe andata al tie break. Aabbiamo cercato di spingere in battuta per eludere la ricezione avversaria, ma eravamo fallosi anche se abbiamo sfiorato la rimonta. L’UniTrento è stata più squadra di noi e ha vinto. Ora testa alla prossima gara”.

La partita.

Biancazzurri in campo con Partenio al palleggio e Paoletti opposto, Di Silvestre e Dal Corso in banda, Maletto e Trillini al centro, D’Amico libero. Un sestetto che sarà stravolto in corsa da Rosichini dopo un’evidente flessione. I padroni di casa si schierano con Pizzini in cabina di regia per l’opposto Poggio, i laterali Michieletto e Pol, Acuti e Coser al centro, Zanlucchi libero.

Buon avvio degli ospiti a muro e in attacco. Sul block di Maletto Civitanova doppia i rivali (5-10). Il set procede a strappi. I padroni di casa si riavvicinano con un muro di Michieletto (10-12). La GoldenPlast prende il largo sull’ace di Cappio (12-16). Prosegue la girandola di emozioni e gli uomini di Conci tornano sotto (19-20) per poi impattare sul primo tempo di acuti (21-21). Si procede a braccetto. Sul primo errore civitanovese in attacco Trento trova il sorpasso (24-23) e chiude al secondo tentativo per l’infrazione biancazzurra (26-24).

Sulla scia dell’entusiasmo Trento vola sul 9-5 nel secondo set dopo una serie di manovre ben organizzate e l ’attacco di Michieletto. In campo c’è anche Sanfilippo. Coach Rosichini gioca la carta Disabato al posto di Dal Corso. I padroni di casa dilagano (15-8). I biancazzurri non escono dal loop negativo e sembrano ancora pensare al set precedente Rosichini inserisce Ferri. A vuoto i tentativi di mettere pressione agli avversari come nei primi 30 minuti. Sul 22-17 l’UniTrento colpisce 2 volte (24-17). Civitanova annulla 3 palle set (24-20), ma cade sulla giocata di Magalini (25-20). Nel finale di set Gonzi in campo.

Nel terzo set restano in campo Gonzi al palleggio e Ferri opposto. Si tratta di un parziale senza storia. I biancazzurri sono abituati a lottare e tornano in campo con un altro spirito portandosi subito sul +5 (5-10) con i centrali Trillini e Sanfilippo ispirati. I marchigiani non concedono più nulla e danno vita a un monologo ininterrotto chiuso dall’errore della formazione di Conci, che capitola 15-25 e vede riavvicinarsi pericolosamente il sestetto di Rosichini, trainato da Di Silvestre (6 punti ne set col 60% in attacco).

Nel quarto set Trento parte con Magalini dall ’inizio e va sull’8-5 costringendo Rosichini al time out. Il pari della GoldenPlast arriva con l’attacco di Disabato e con il terzo muro personale di Sanfilippo (11-11). Un’iniezione di fiducia che porta i biancazzurri al sorpasso (13-14). Si procede punto a punto (18-18). Un’invasione di Trento vale il +2 esterno (18-20). Di Silvestre mantiene le distanze (19-21), ma Magalini accorcia e si concede i due ace del sorpasso (22-21). Sul diagonale targato Disabato e il muro di Trillini Civitanova è avanti 23-24. Trento annulla ben quattr palle set prima di vincere il match con il 29-27 targato Coser. Un exploit che trattiene in Trentino l’intera posta in palio.