• Pallacanestro recanati
  • Il mondo delle fiabe
  • Benefisio
  • Musei Recanati
  • Astea
  • Unipol
  • BCC conto giovani
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Stacchiotti
  • Pacha mama
  • Gigli opera 18-19
  • Miccini
  • Banca MC GIF
  • CPL
  • Valverde 2018
  • Persiani 2018
  • Banca MC 26 nov
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9

MACERATA - Rafforzare l'impegno per la ricostruzione post terremoto che, a due anni dalle scosse, è ancora al palo con tutti i problemi delle persone e delle aziende.

Un impegno che si è preso Ettore Prandini, nuovo presidente nazionale di Coldiretti, nel suo discorso inaugurale appena dopo la nomina al termine dell'Assemblea nazionale che si è tenuta a Roma nei giorni scorsi. Parole che hanno colpito positivamente Francesco Fucili, presidente di Coldiretti Macerata che, insieme a tutto il consiglio provinciale, si è congratulato con Prandini per il prestigioso incarico, augurandogli un buon lavoro.

"Prandini, appena insediato, ha subito voluto dare un segnale preciso – commenta Fucili – citando i nostri territori e quelli del nord appena colpiti dai disastrosi eventi climatici dei giorni scorsi. Coldiretti in questi anni ha fatto tanto in termini di vicinanza alle aziende colpite e ha esercitato una pressione costante nei confronti della politica. La ricostruzione è ancora al palo con una burocrazia asfissiante che non permette di avviare la ripresa. Il discorso di Prandini indica che si vuole rafforzare l'azione sindacale di Coldiretti. E la presenza in giunta per la prima volta nella storia di Coldiretti di una marchigiana, la presidente regionale Maria Letizia Gardoni, è un ulteriore segnale che va in questa direzione".

presidenti e direttori marche con al centro il nuovo presidente nazionale prandini