• BCC conto giovani
  • Musei Recanati
  • Pallacanestro recanati
  • Astea
  • Unipol
  • Benefisio
  • Il mondo delle fiabe
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Valverde 2018
  • Gigli opera 18-19
  • Banca MC GIF
  • CPL
  • Miccini
  • Stacchiotti
  • Persiani 2018
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

MATELICA -  Verrà inaugurata domani, venerdì 23 novembre alle ore 16, a Matelica, nei suggestivi spazi delle Cucine storiche del Museo Piersanti, la terza edizione del Master di primo livello in Wine Export Management. Un corso di formazione post laurea che si propone di formare professionisti esperti in marketing del vino, nato da un’idea dell’amministrazione comunale di Matelica e della Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Camerino e realizzato con il supporto dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini (Imt) e del Consorzio Vini Piceni.

Saranno presenti: il sindaco di Matelica Alessandro Delpriori, l’assessore comunale all’agricoltura Roberto Potentini, il prorettore di Unicam Andrea Spaterna, il presidente di Imt Antonio Centocanti, il presidente del Consorzio Vini Piceni Giorgio Savini, il direttore del master Luca Petrelli e Fabio Cecconi, funzionario del Servizio Politiche agroalimentari della Regione Marche.

“Si tratta di un master di ampio respiro – afferma l’assessore Potentini – voluto per offrire uno strumento didattico al territorio del Verdicchio, trattando un argomento spesso trascurato nella formazione in ambito vitivinicolo, ovvero il marketing e la comunicazione finalizzati a dare un valore aggiunto al prodotto e a saperlo vendere. Si tratta di un aspetto particolarmente importante per chi vuole affrontare questa attività senza improvvisare”.Matelica dai vigneti

L’inaugurazione, aperta non solo agli studenti ma anche alla cittadinanza, si caratterizzerà anche per la prima lezione del master, affidata al professor Armando Maria Corsi, docente della School of Marketing della University of South Australia, tra i massimi esperti del settore. Il professor Corsi salirà in cattedra per parlare del valore del brand in ambito enologico.

“Il master – commenta il professor Luca Petrelli, direttore del corso – è aperto anche ai laureati dei Paesi stranieri e quest’anno, grazie ad un accordo con l’Università di Kiev, annoveriamo tra gli iscritti 5 ucraini e un bielorusso, segno del buon nome che l’Italia ha saputo conquistare nel mercato mondiale del vino”.

Nelle due precedenti edizioni è stata riscontrata un’ottima risposta occupazionale, con la maggior parte degli iscritti che ha trovato lavoro o migliorato le precedenti condizioni lavorative, grazie anche alle 1.500 ore di stage nelle aziende vitivinicole dell’intero territorio nazionale.

Al termine dell’inaugurazione è in programma un brindisi nel Foyer del Verdicchio al Teatro Piermarini, a cura dell’Associazione Produttori del Verdicchio di Matelica.