• BCC conto giovani
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • Il mondo delle fiabe
  • Benefisio
  • Pallacanestro recanati
  • Banca MC seconda volta
  • Astea
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • Persiani 2018
  • Miccini
  • CPL
  • Infinito villa colloredo
  • Banca MC GIF
  • Assaggi infinito
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

ANCONA  - Il consigliere regionale di Art.1 – Mdp, Gianluca Busilacchi, torna ad occuparsi di legge elettorale, dopo la recente presa di posizione sulla necessaria revisione dei collegi di Ascoli e Fermo, nella logica di una maggior omogeneità delle circoscrizioni elettorali.

Questa volta, l’intervento del consigliere Busilacchi, strutturato all’interno di una proposta di legge regionale, è mirato a far emergere un vistoso limite dell’attuale sistema elettorale regionale che comporterebbe un rischio di deficit di autonomia tra ruolo esecutivo e ruolo legislativo.“Dall’introduzione dell’elezione diretta del presidente della Giunta regionale, le Regioni rappresentano l’unico livello di amministrazione in cui organo esecutivo e assemblea - per di più, nel caso delle Regioni, con potere legislativo - non hanno ruoli e funzioni completamente separati”.

“E’, infatti, possibile – sottolinea l’esponente di Art.1-Mdp – che il presidente della Giunta, al contrario di quanto accadeva in precedenza, nomini e revochi DSC 0093personalmente i componenti del suo Esecutivo e qualunque causa di cessazione della sua carica (ivi incluse le dimissioni) sono in grado di determinare lo scioglimento del Consiglio”. “In tale contesto e in assenza di una chiara incompatibilità tra le funzioni di assessore e quelle di consigliere – sottolinea Busilacchi - si amplificano le possibilità di ulteriori condizionamenti da parte dell’Esecutivo nei confronti dell’organo legislativo, risultando gli assessori di estrazione consiliare (oltre che il presidente) componenti dell’organo legislativo con potere di voto e d’iniziativa consiliare”. 

E’ da tali considerazioni e proprio perché pare opportuno distinguere più nettamente tra le funzioni e le responsabilità dell’organo legislativo e quelle proprie dell’esecutivo che nasce la proposta di legge del consigliere Busilacchi, con l’obiettivo di restituire piena autonomia e indipendenza ai due organi, valorizzandone i ruoli, evitando reciproche interferenze e garantendo ad entrambi capacità di autodeterminazione.