• Benefisio
  • Il mondo delle fiabe
  • Unipol
  • Astea
  • Pallacanestro recanati
  • BCC conto giovani
  • Musei Recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Banca MC GIF
  • Persiani 2018
  • Infinito villa colloredo
  • CPL
  • Gigli opera 18-19
  • Miccini
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

ANCONA - "Nel 2019 i primi 40 comuni arriveranno alla operatività. Sarà una Task Force presieduta dalla Regione Marche, formata da enti pubblici e operatori privati, ad accelerare la realizzazione del Piano Banda Ultra Larga.

Questo coordinamento servirà per ridurre le tempistiche”, spiega il presidente Ceriscioli, a margine della prima riunione del tavolo permanente che si è riunito stamattina a Palazzo Li Madou.

“La task force fornisce le informazioni necessarie per sensibilizzare tutti i soggetti che partecipano - ha sottolineato Ceriscioli - La banda ultra larga deve diventare una opportunità compatibile con le esigenze delle imprese. Avremo un servizio pubblico essenziale per l'intero sistema. La banda ultra larga è un investimento molto ultralargaimportante e che riguarda il 99% del territorio regionale. Attraverso i fondi europei Fesr, nazionali e regionali è stato possibile realizzare questa rete, che arriva anche dove il mercato non ha interesse ad investire. La BUL è precondizione per costruire una società inclusiva, che si basa sullo scambio di informazioni, dati e immagini di qualità".

"Abbiamo già inaugurato diversi cantieri e saranno 236 i comuni marchigiani interessati da questa infrastruttura, per un investimento complessivo di 108 milioni di euro. Saranno coinvolte 700 mila persone. Sul tema della connettività c'è molta attenzione: imprese, servizi, scuole e strutture sanitarie. Tutti hanno una dimensione della propria attività legata alla rete", ha commentato Ceriscioli.