FERMO -  Un nuovo modello d’intervento per contrastare il disagio giovanile e rafforzare il ruolo genitorialepromosso dalla Società Cooperativa Sociale “IL FARO” nell’ambito del progetto G.O.A.L.S. (Giovani - Orientamento - Accompagnamento - Lab. - Scuola) nato per contrastare il disagio giovanile e rafforzare il ruolo genitoriale.

Venerdì 13 settembre alle ore 09:30 presso il Ricreatorio San Carlo di Fermo si terrà un “Tavolo di Impatto Collettivo” promosso dalla Società Cooperativa Sociale “IL FARO” nell’ambito del progetto G.O.A.L.S. (Giovani - Orientamento - Accompagnamento - Lab. - Scuola) nato per contrastare il disagio giovanile e rafforzare il ruolo genitoriale.

Il progetto, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile (secondo la disposizione di legge n. 208 del 27/12/2015, art 1 comma 392), è in corso di svolgimento e si appresta a iniziare il secondo dei tre anni di attività previsti.

GOALS propone una serie di azioni rivolte ai ragazzi e famiglie nei territori di Macerata, San Benedetto del Tronto, Grottammare, Civitanova Marche, Fermo-Porto San Giorgio (fascia di età 11 - 17 anni).d53808b660f54273542914a8c7e446c1882bf98c

Le azioni vedono il coinvolgimento di attori rilevanti per il futuro dei ragazzi (es. ETS, Scuole, Enti Pubblici, Professionisti, Imprese etc), in un modello che tende alla costruzione di una comunità educante capace di fronteggiare le problematiche giovanili (educative, psicologiche, sociali, orientative e familiari), in una visione aggregata e non disorganica e adottando approcci di "welfare comunitario".

Il “Tavolo” intende rappresentare un momento privilegiato di restituzione al territorio di quanto proposto nel primo anno di attività e dei risultati raggiunti, grazie alle testimonianze dei principali partner della “rete GOALS” coinvolti nelle attività e al contributo dell’Ente Valutatore Human Foundation di Roma.

Verranno anche illustrate le nuove attività programmate per l’anno di progetto che sta per iniziare.

Invitiamo la cittadinanza a partecipare a questo importante momento di lavoro per il bene dei ragazzi, famiglie e comunità.