• Il mondo delle fiabe
  • Pallacanestro recanati
  • Musei Recanati
  • Astea
  • BCC conto giovani
  • Teatro persiani
  • Unipol
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Infinito
  • Gran tour
  • Banca MC GIF
  • CPL
  • Citylab
  • Leguminaria
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

CIVITANOVA - Un convegno per far conoscere uno dei servizi medici di eccellenza dell’Ospedale di Civitanova.

Unico Centro nelle Marche ad avere la certificazione ACOI, l’Unità Operativa di Chirurgia Laparoscopica, coordinata dalla dr.ssa Sara Bartola, rappresenta un punto avanzato nel panorama regionale.

Per questo motivo il dr. Stefano De Luca, Direttore del reparto di Chirurgia Generale del nosocomio civitanovese, ha organizzato un convegno dal titolo “Laparoscopia a Civitanova Marche”, al quale hanno preso parte oltre quaranta medici di base e specialisti ed aperto anche ad infermieri.convegno su laparoscopia dr.ssa Bartola e dr. De Luca

Il corso è stato presentato dal dr. Gianni Turchetti cui è seguito l’intervento del dr. Stefano De Luca su “Perchè la laparoscopia”.

Si è spaziato sui tanti campi di intervento di questa tecnica poco invasiva e molto efficace con relazioni del dr. Enrico Caraceni ed Angelo Marronaro per la chirurgia urologica, del dr. Emilio Giorgetti per le applicazione nel settore dell’Anestesia, nella laparoscopia del colon con la dr.ssa Sara Bartola, del colon destro con il dr. Luciano Minestroni, del retto con il dr, Matteo Annesi e del dr. Andrea Di Salvatore per la chirurgia della parete addominale.

Nella seconda parte sono intervenuti la dr.ssa Maria Michela Cappelletti che ha relazionato su appendicetcomia laparoscopica, seguita dal dr. Alen Federici per colecisti e vie biliari. Il corso si è concluso con I test di apprendimento.

“Abbiamo invitato I medici di base – ha sottolineato Stefano De Luca – proprio per far conoscere che anche a Civitanova vi è la possibilità di interventi di chirurgia laparoscopica ad alto livello. Crediamo sia un valore aggiunto per il nostro ospedale, soprattutto per quei pazienti locali che ora possono avere un servizio di eccellenza sul proprio territorio evitando così trasferte in strutture più lontane”.