• Teatro persiani
  • BCC conto giovani
  • Astea
  • Unipol
  • Il mondo delle fiabe
  • Musei Recanati
  • Pallacanestro recanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • Citylab
  • Banca MC GIF
  • CPL
  • 1
  • 2
  • 3

ANCONA -  Dopo le proteste della Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti inviate alla Direzione Regionale di Trenitalia e alla Giunta Regionale delle Marche sullo “strano” bando di selezione riservato ai soli residenti di Ancona e Provincia, arriva un atto ispettivo a firma Elena Leonardi, Fratelli d’Italia.

“Ho accolto la protesta del sindacato dei ferrovieri e della Provincia di Fermo che si è espressa, in ugual misura, contro questa paradossale iniziativa”.

"Un bando – prosegue la capogruppo regionale di Fratelli d’Italia - per capotreno e per tecnico commerciale vincolato ai soli residenti nella provincia di Ancona. La protesta, inviata anche a Ceriscioli, evidenzia il fatto che esiste un Contratto di Servizio stipulato dalla Regione con Trenitalia; difatti, ricorda Leonardi nell’interrogazione, dal 2015 ad oggi la Regione ha “sborsato” varie centinaia di euro al fine della garanzia del trasporto pubblico su rotaia e per l’ammodernamento di vari treni."aggressione a un capotreno 770x470

Inoltre le proteste ufficiali sono state indirizzate anche all’assessore Sciapichetti al quale ora la Leonardi chiede se ci sono stati interventi nei confronti di Trenitalia per conoscere le motivazioni di un bando di ricerca personale così geograficamente “selettivo”.

La rappresentante del partito di Giorgia Meloni chiede inoltre quali risposte sono state fornite alle missive di FAST-Marche e della Provincia di Fermo aventi ad oggetto “assunzioni in Trenitalia e disparità tra province della Regione Marche e, infine, cosa molto importante, se la Regione Marche, in vista di futuri bandi di reclutamento personale di Trenitalia SpA Direzione Marche, si è impegnata o si sta impegnando affinché essi siano liberamente accessibili a tutti i cittadini marchigiani.

"Tali modalità di pubblicazione di bandi potrebbero verificarsi anche in futuro con reiterazione della disparità di trattamento evidenziata? La Regione si attivi -conclude Leonardi-, e fornisca il dettaglio su quanto avvenuto".