• Musei Recanati
  • Emigrazione
  • Astea
  • Unipol
  • Test clinica lab
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Avis
  • Astea 2020
  • BCC
  • Menghini
  • Sottosopra
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

ANCONA - Le Marche saranno ancora rappresentate nel Consiglio Nazionale del Comitato Italiano Paralimpico.

Riconfermato, infatti, il falconarese Tarcisio Pacetti che sarà nell’attuale quadriennio paralimpico 2021-2024 il rappresentante e portavoce di tutti e 27 i fiduciari provinciali dell’area centro che racchiude le regioni Marche, Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise (per Pacetti 13 consensi, 3 schede nulle e 1 bianca).

Un incarico di prestigio e molto importante per portare le istanze di un territorio così variegato nella massima assise nazionale del movimento paralimpico italiano. Tarci con PANCALLI

Pacetti rappresenta un uomo di sport e di volontariato a tutto tondo, da sempre impegnato in entrambi questi mondi, come riconosciuto recentemente anche dalla Stella d’Oro del Cip al merito sportivo e negli anni passati dalla Stella d’Argento del Coni per essere stato prima coach e poi direttore sportivo della storica Katiba Isea Falconara di volley che conquistò la coppa Europa nel 1986.

“Per noi è motivo di orgoglio – dice il Presidente del Cip Marche Luca Savoiardi – avere un marchigiano in Consiglio nazionale, ma soprattutto è importante per l’intero movimento avere in prima linea un uomo dalle tante idee, dalle capacità e dalla grande passione per il mondo paralimpico come Pacetti”.

“Sono orgoglioso di far parte del mondo paralimpico – sono le sue prime parole dopo la riconferma – è un mondo affascinante e che ti cattura: se lo conosci ed entri in contatto con l’enorme carica umana che lo anima, non riesci più a farne a meno”.

“L’obiettivo che mi sono sempre dato da quando sono impegnato in prima persona nel mondo paralimpico – continua - è quello di avvicinare sempre più giovani diversamente abili allo sport e promuovere il più possibile le discipline sportive e gli atleti paralimpici a tutti i livelli, avvicinandoli a tutti e abbattendo le barriere, tutte le barriere, in primis quelle culturali”.

Incontri nelle scuole e promozione di eventi sportivi e culturali per mostrare sempre più frequentemente atleti olimpici a braccetto con quelli paralimpici: è questo uno dei cavalli di battaglia dell’operato di Pacetti nel mondo paralimpico.
E poi, tra i suoi obiettivi, ci sono accordi con ANCI per valorizzare atleti e manifestazioni, convenzioni con centri di riabilitazione e medici per avvicinare pazienti all’attività paralimpica e massima attenzione alle iscrizione di società nei registri C.I.P.

“Sono orgoglioso – conclude - di far parte di questa grande famiglia paralimpica e ringrazio il Presidente Regionale Luca Savoiardi per avermi fatto conoscere questo meraviglioso mondo”.

Un ultimo pensiero, che fotografa l’animo autentico di Pacetti: “Ringrazio la mia famiglia che mi permette di dedicare tempo alle mie varie attività extra familiare”.