• Unipol
  • Emigrazione
  • Test clinica lab
  • Musei Recanati
  • BCC 2021
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Menghini
  • Astea 2020
  • Avis
  • Sottosopra
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

CIVITANOVA - Apertura con il botto ieri a Bydgoszcz per i “2021 Virtus World Athletics Championships”. I portacolori dell’Anthropos di Civitanova Marche hanno esordito vincendo due ori in Polonia con la nazionale azzurra FISDIR – Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali.

Primo a scendere in pista per l’Italia è stato il nostro Fabrizio Vallone, che ha subito messo in cascina un titolo mondiale confermando il buon lavoro svolto nel periodo di preparazione e concludendo la prova iridata dei 10000 metri con il tempo di 33’33”.48.
Fabrizio a fine gara: “Sono felice per il risultato. Per la prima volta sono Campione del Mondo”.

Nel corso della giornata è sceso in pista nei 1500 metri Ndiaga Dieng, reduce dal bronzo della settimana scorsa ai Campionati Europei WPA con la FISPES. L’atleta ha dimostrato nuovamente di essere un fuoriclasse nel mezzofondo centrando il titolo iridato col tempo di 3’59”97.

Alessio Talocci, altro atleta del sodalizio civitanovese, ieri (mercoledì) ha esordito con la maglia azzurra della Nazionale. Nel getto del peso il marchigiano ha centrato il quarto posto con un buon lancio di 11,24 metri confermando il progressivo miglioramento lo sta riportando ai livelli del 2019.

ALTRE GARE:

Finale nel lancio del martello per Alessio Talocci, 3000 siepi per Fabrizio Vallone ed eliminatorie dei 200 metri per i velocisti Ruud Koutiki, Raffaele Di Maggio e Gaetano Schimmenti.

Il presidente Nelio Piermattei: “Un esordio straordinario! Speravo si potesse ottenere tanto, ma poi raggiungere obiettivi così è veramente emozionante e riempie di soddisfazione. Tanti complimenti a Fabrizio, Ndiaga e ai loro allenatori, Giuseppe Raffermati e Maurizio Iesari, per i prestigiosi risultati. Mi congratulo anche con Alessio per la costante ripresa. Spero che la kermesse ci regali altre soddisfazioni importanti”.

Ndiaga Dieng sul podioVallone in gara