OSIMO - Nella serata di ieri, la Compagnia Carabinieri di Osimo, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio “ESTATE SICURA 2021” programmati dal Comando Provinciale di Ancona, ha predisposto mirate attività di contrasto ai reati predatori e all’uso di sostanze stupefacenti, finalizzate alla prevenzione e repressione di condotte illecite in genere, per garantire la maggior sicurezza tanto delle località turistiche, quanto i centri abitati di residenza.

L’intensa attività di prevenzione stradale è stata eseguita sulla statale 16, sulla provinciale 3 in Val Musone, nonché in Castelfidardo e tra le Frazioni di Abbadia – Monte Camillone.

Durante le operazioni, che hanno visto l’impiego complessivo di 19 militari e 9 autoradio, nonché dell’unità cinofila antidroga del Nucleo Cinofili di Pesaro, sono state:
 controllate strutture ricettive, autostazioni del trasporto pubblico urbano ed extraurbano, abitazioni anche in località più isolate, esercizi commerciali;
identificate 68 persone, 46 veicoli e 52 documenti;
denunciate in stato di libertà 2 persone;

Più in particolare i controlli hanno riguardato un cittadino tunisino, 35enne, che si aggirava nel centro storico di Castelfidardo; sottoposto a perquisizione personale è stato trovato in possesso di n. 2 cacciavite, occultati nei pantaloni, di cui non ha giustificato la destinazione. Altre verifiche hanno riguardato un cittadino albanese, fermato alla guida di un furgonato nella periferia di Osimo, in evidente stato di ebbrezza alcolica, il quale si è rifiutato di sottoporsi al test alcolemico.

I due sono stati deferiti, rispettivamente, ai sensi dell’art. 707 del codice penale, e dell’art. 186 comma 7 del Codice della Strada.

L’operazione odierna segue quelle effettuate negli ultimi periodi, sempre dai Carabinieri della Compagnia di Osimo, e proseguirà anche nei giorni a venire.

FotoCCos