• MyRecanati
  • Musei Recanati
  • Unipol
  • bcc 2022
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • Avis
  • Menghini
  • Astea 2020
  • Astea
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

OSIMO - Nella serata di ieri 26 novembre 2021, i Carabinieri della Compagnia di Osimo hanno arrestato un cittadino marocchino 39enne, dimorante nella Città di Ancona, poiché trovato in possesso di sostanza stupefacente destinata allo spaccio.

Una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Osimo, transitando sulla strada provinciale 2 – nei pressi della rotatoria della bretella posta all’uscita dell’A14, in località Aspio di Camerano, veniva insospettita da quattro persone a bordo di una Fiat 600, di ritorno presumibilmente da Porto Recanati.

Appena segnalato l’alt dagli operanti, il conducente del veicolo accelerava la marcia sino a raggiungere il distributore di carburanti “Discount” posto sull’asse Nord-sud. armaalt

Gli occupanti del veicolo, due donne italiane e due uomini, il succitato marocchino e un tunisino, iniziavano ad evidenziare agitazione e preoccupazione, tanto da indurre i carabinieri ad effettuare un controllo del veicolo e la perquisizione personale.

Ben occultati all’altezza dei calzini della gamba sinistra del cittadino marocchino veniva rinvenuto un involucro contenente grammi 9,5 di cocaina e grammi 5 di hashish, pronti per lo spaccio.

La droga ritrovata, quindi, è stata sequestrata ed il 39enne dichiarato in arresto per la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella mattinata odierna, l’Autorità Giudiziaria ha disposto l’udienza di convalida e giudizio direttissimo.

L’arresto di cui si è fatto cenno, scaturisce da servizi di controllo del territorio ed antidroga, pianificati e svolti dall’Arma sulla base di una costante analisi della relativa situazione della criminalità in tutta la provincia, che ha già permesso negli ultimi mesi l’arresto di diversi spacciatori, nonché il sequestro di diversi kg di sostanza stupefacente.

Nei confronti della persona arrestata si è appena conclusa l’udienza con rito direttissimo innanzi al Tribunale di Ancona, che ha convalidato l’arresto e disposto l’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di dimora nelle comune di Ancona.