• BCC 07 2022
  • MyRecanati
  • Musei Recanati
  • avis
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

ANCONA - "Stiamo raccogliendo le firme in tutta la penisola, con un grandissimo sforzo di militanza. Sono sicuro che saremo della partita, noi siamo abituati a stare in piazza, in mezzo alla gente, altri fanno accordi a Roma per elemosinare seggi blindati, spero si vergognino un po’”.

Lo afferma Marco Rizzo, leader del Partito Comunista e candidato come capolista alla Camera, nelle Marche, per la lista Italia Sovrana e Popolare una coalizione composta da 15 forze dell’antagonismo sociale e politico nazionale e rappresenta “il fronte del dissenso contro le politiche liberiste e antisociali del governo Draghi che sono state appoggiate da destra a sinistra, senza distinzioni”.

La lista al Senato sarà guidata dall’avvocato Fabio Pasquinelli già a capo della coalizione comunista che si presentò alle ultime elezioni regionali.Rizzo

“Siamo preoccupati- spiega Rizzo- per l’esplosione di una vera e propria emergenza sociale che nel prossimo autunno colpirà lavoratori, artigiani, piccole imprese. Il prezzo delle sanzioni economiche e la costante ed ininterrotta spesa per gli armamenti gravano sulla condizione dei lavoratori italiani, i quali, a fronte di un forte aumento del costo della vita in tutta la zona Euro, hanno visto il loro reddito pro capite diminuire drasticamente. Questa condizione sociale, già estremamente compromessa dalle politiche economiche imposte dall’UE, a causa delle sanzioni e delle tensioni internazionali, sta precipitando: negli ultimi mesi il costo delle materie prime, delle risorse energetiche e dei beni alimentari ha segnato un aumento complessivo dell’inflazione, che rischia di triplicare il costo della vita per i lavoratori e le loro famiglie, riducendoli in uno stato di povertà assoluta e soggezione totale. l’Italia deve riconquistare la propria autonomia rifiutando i diktat che maturano in seno all’UE e alla NATO e che la condizionano pesantemente. Noi siamo per riportare in mano pubblica gli asset strategici e i monopoli naturali e i servizi fondamentali che sono stati selvaggiamente privatizzati in questi decenni, siamo per garantire il diritto al lavoro e ad un reddito adeguato, contro le crisi industriali pilotate dai governi per soddisfare il grande capitale internazionale a scapito dei lavoratori licenziati. Inoltre ci opponiamo allo smantellamento della sanità pubblica e siamo per il diritto ai servizi sanitari territoriali ed alle cure domiciliari e ribadiamo il nostro no all'obbligo vaccinale ed all'infamia del Green Pass, che ha violato i diritti fondamentali dei cittadini ed escluso tanti lavoratori dal diritto al lavoro ed al reddito. Italia Sovrana e Popolare è l’unico fronte che sta federando una concreta alleanza sociale in grado di contrapporre il governo di chi lavora contro l’oligarchia degli speculatori la cui ultima versione draghiana, fino a pochi giorni fa, era sostenuta di fatto da tutte le forze politiche oggi in Parlamento. Loro, che ora fingono di litigare, si stanno accordando per restare a Palazzo. Noi esistiamo per ricordargli che l’unico sovrano, per la Costituzione, è il popolo”.