• Guzzini Challenger 2018
  • Benefisio
  • Musei Recanati
  • Unipol
  • Ermal Meta
  • Il mondo delle fiabe
  • Lunaria 2018
  • Recanati Leopardiane
  • Gigli Opera
  • Gran Tour Marche
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • Miccini
  • Leo
  • Notte rosa
  • Palazzo Comunale
  • Riga Festival
  • BCC
  • CPL
  • Pacha mama
  • Stacchiotti
  • Battista
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10

PORTO RECANATI – Quando si sono resi conto che i pullmini che portano a casa i ragazzini dalla scuola nel pomeriggio tardavano, i genitori hanno pensato a qualche problema tecnico ai mezzi (sono 4 i pullmini che partono dall’IC “Medi”).scuola primaria

Invece era accaduto qualcosa di serio che aveva indotto il personale scolastico a non far salire subito sui mezzi gli scolari.

Nel recinto della scuola una assistente aveva notato un individuo che si aggirava con fare sospetto intorno ad un pullmino dove aveva notato il borsello di uno degli autisti.

L’uomo non si sarebbe dovuto trovare all’interno del recinto (neanche i genitori che prendono direttamente i bimbi possono entrare) e questo ha allarmato la donna.

Al momento si hanno particolari confusi ma i bambini non sono stati fatti salire, è stato dato l’allarme, l’uomo si è dato alla fuga mentre arrivavano i carabinieri.

Nella fuga l’uomo ha perso un pc probabile bottino di qualche furto in precedenza. Il portatile è stato recuperato dai militari che stanno cercando di risalire al proprietario.

Parimenti sono in corso ricerche per acciuffare l’uomo.

Dalla descrizione l’autore dell’incursione, che ha creato un certo allarme visto il luogo scelto per colpire, sarebbe la stessa persona, che i carabinieri hanno più volte segnalato alla Magistratura per ottenere un mandato di arresto stante la sua pericolosità sociale essendo ritenuto l’autore di una lunga serie di azioni predatorie.

I genitori hanno saputo dell’accaduto quando gli autisti dei pullmini hanno raggiunto i punti di rilascio ed hanno spiegato il motivo del ritardo.

L'episodio è destinato ad alzare il livello della polemica sullo stato della sicurezza a Porto Recanati.