• Chagall
  • Unipol
  • Grease
  • Musei Recanati
  • Lunaria 2018
  • Benefisio
  • Gigli Opera
  • Il mondo delle fiabe
  • Gran Tour Marche
  • Ermal Meta
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • CPL
  • BCC
  • Stacchiotti
  • AATO
  • Miccini
  • Pacha mama
  • Leo
  • Battista
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

PORTO RECANATI - Piazza Brancondi ha ospitato l’evento di chiusura della settimana del brodetto porto recanatese. Per l’occasione il Grand Tour delle Marche di Tipicità ha proposto “Brodetto Show, un vero e proprio spettacolo dedicato alla ricetta storica, in degustazione insieme ad un altro vanto delle Marche: il Verdicchio dei Castelli di Jesi (clicca sull'immagine a sx per una gallery)P 20180617 180124 vHDR Auto

Nella piazza principale della città, dove un tempo si affacciava l’antica pescheria, un vero e proprio spettacolo dedicato alla ricetta storica, con la narrazione e la dimostrazione dal vivo dei riti e delle tradizioni legate a questo pregiato piatto che, nella versione portorecanatese, si caratterizza per la presenza dello zafferano che lo rende “dorato”.

A preparare il Brodetto sono state le mani gastronomiche di 3 dei suoi chef più rappresentativi: German Scalmazzi dello Chalet La Rotonda 1962, Fabio Cipriani del Ristorante Giannino e Fabio Giorgini del Ristorante da Fabietto.

A sostegno del grande evento l’Amministrazione Comunale, la Coldiretti con i suoi produttori, Tipicità con la sua forza comunicativa e l‘Ais che ha presentato in degustazione i vini delle Cantine Moncaro, della Fattoria San Lorenzo e dell’Azienda Vinicola Sabbionare.

A Porto Recanati il Brodetto esiste da quando esistono i pescatori. Questo sugoso piatto marinaro ha costituito per secoli il principale elemento, se non l'unico, del pasto dei pescatori.

Ha quindi un' origine, oltre che antica, prettamente popolare e deriva dalla abitudine della gente di mare di utilizzare, quanto del pescato non potesse essere destinato al mercato, sia per la qualità (poco richiesta), sia per la troppo piccola taglia, sia infine per l' insufficienza quantitativa.

E, da una accozzaglia di pesci, pur buoni, ecco nascere il Brodetto che, in origine, si giovava solo dell’olio come condimento indispensabile.P 20180617 181235 vHDR Auto

Via via il piatto ha subito evoluzioni sempre più raffinate, conquistando una ben meritata fama in tutto il territorio Nazionale e diventando prerogativa indiscutibile delle Marche.

Il Brodetto è piatto tipico di Porto Recanati che ne detiene una delle quattro ricette storiche della gastronomia marchigiana.

Nato dall’inventiva del cuoco Velluti, questa variante portorecanatese risale ai primi del ‘900 e si impose da subito grazie alla tradizione gastronomica marinara della città di Porto Recanati.

Risale ad una pubblicazione del Touring Club Italiana del 1931 l’indicazione del “Brodetto Bianco che si prepara a sud del Monte Conero”.

Nell’articolo del TCI veniva fatta espressa menzione del fatto che il Brodetto già all’epoca veniva inscatolato a spedito già cotto a Milano.

La variente portorecanatese prevede infatti l’assenza di pomodoro e l’aggiunta di zafferanella (zafferano selvatico del Conero) che dà al piatto un colorito giallognolo.