• Gigli Opera
  • Gran Tour Marche
  • Musei Recanati
  • Ermal Meta
  • Grease
  • Unipol
  • Lunaria 2018
  • Il mondo delle fiabe
  • Chagall
  • Benefisio
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • CPL
  • Miccini
  • AATO
  • Pacha mama
  • Leo
  • Battista
  • BCC
  • Stacchiotti
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

PORTO RECANATI - La storia del Palio, attraverso i drappi storici delle edizioni precedenti quella del 2018, fino al 13 luglio è in esposizione alla Palestra Diaz (clicca sull'immagine a dx per una fotogallery).

Un percorso di 24 anni che nell’allestimento curato dall’Ente Palio va a costituire il primo step di quel museo permanente che è negli obiettivi del sodalizio, qualora con la collaborazione del comune, si troverà la sede adatta.expo1

Ed in quella sede anche le immagini che l’Ente Palio sta raccogliendo formeranno il secondo step.

Ora l’attenzione è tutta per la scelta che porto recanatesi e non faranno del drappo che da questa edizione diventerà “unico” e sarà il simbolo della vittoria che passerà di mano, sempre quello, di ciurma in ciurma.

Sono nove gli artisti che hanno inviato le loro opere che si potranno votare fino al 13 luglio.

Due coffe sono state tramutate in urna e le prime due schede depositate sono state quelle del sindaco Roberto Mozzicafreddo e del presidente dell’Ente Palio, Italo Canaletti.

Già all’inaugurazione della mostra i primi visitatori dopo aver visionato le 9 opere in concorso si soono espressi con il voto.

Hanno inviato le loro proposte di drappo Ighli Sisti (Porto Recanati), Lorenzo Sabbatini (Recanati), Romina Ragaglia (Chiaravalle), Guido Portaleone (Ancona), Costantino Pierpaoli (Castelfidardo), Rossana Piermartini (Recanati), Franco Miccoli (Potenza Picena), Leonardo Garigliano (Borghi-Catanzaro), Barbara Cittadini (Porto Recanati).

Il presidente dell’Ente Palio, Italo Canaletti, ha anticipato che le operazioni di spoglio saranno pubbliche per dare la massima trasparenza alla manifestazione.

Il Palio di San Giovanni è unico nel suo genere in quanto non si rifà al Medioevo o Rinascimento, ma rievoca la quotidiana vita del Porto, da quando era villaggio di pescatori, fino a diventare comune autonomo nel 1893 da Recanati, e fare le sue fortune anche con la pesca a cavallo tra ‘800 e ‘900.

Protagonista è lo “sciabbegotto”, figura tipicamente porto recanatese che si identifica nel più umile fra i marinai dediti alla pesca con la rete da costa.

Il Palio si ispira ai valori storici del borgo marinaro: la fatica, il coraggio, la lotta dell’uomo per la sopravvivenza.

I nove drappi in concorso (clicca sulla prima immagine a sx per una fotogallery)

expo7expo8

per una fotogallery dell'inaugurazione, clicca sull'immagine sotto

expo2

expo10

expo3

expo4

expo6

expo9