• Musei Recanati
  • Gigli Opera
  • Palio porto
  • Il mondo delle fiabe
  • Chagall
  • Gran Tour Marche
  • Astea
  • Unipol
  • Benefisio
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • Stacchiotti
  • Pacha mama
  • Battista
  • Miccini
  • AATO
  • CPL
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

di Michele Campagnoli, addetto stampa Volley Potentino

Il libero pugliese classe ‘99 Francesco “Ciccio” D’Amico continuerà a deliziare i tifosi della GoldenPlast Potenza Picena con i suoi tuffi acrobatici. Arrivato nelle Marche lo Francesco DAmico in partitascorso anno come una giovane promessa da svezzare, l’atleta alto 183 cm si è subito imposto come una delle sorprese del torneo di A2 fino a diventare un tassello insostituibile della squadra biancazzurra. Una crescita costante che ha attirato l’attenzione del tecnico federale Monica Cresta, con inevitabile convocazione per uno stage conoscitivo, e che lo ha portato a centrare la salvezza nella categoria con il Volley Potentino al Preliminare Play Out. Il giovane talento si è poi piazzato secondo alla Del Monte® Junior League Under 19 e, subito dopo, sul gradino più alto del podio alle Finali Nazionali Under 20 con la maglia della Lube Volley, insieme ai biancazzurri Larizza e Di Silvestre, sotto la guida del neo tecnico del Volley Potentino Gianni Rosichini.

Approdato alla GoldenPlast Potenza Picena nell’estate 2017 per volontà del precedente tecnico biancazzurro Adriano Di Pinto, che ne era rimasto colpito ai provini, D’Amico ha superato brillantemente la sua prima stagione lontano dalla Puglia. Il percorso pallavolistico è iniziato a Ostuni con l’inserimento già nel 2012 nella rosa di B2. Poi due annate con la formazione della Serie D, un Campionato con il gruppo in Serie C e, nella stagione 2016/17, l’esperienza nella Serie B unificata. La determinazione e la bravura del talentuoso specialista della seconda linea lo hanno portato a bruciare le tappe.

Il libero Francesco D’Amico: “Sono felice che il Volley Potentino abbia creduto in me. E’ stata una stagione speciale per quello che ho fatto e per il grande affetto dei tifosi, capaci di triplicare la voce in un palazzetto enorme. Il prossimo Campionato sarà ancora più duro perché dovrò confermarmi, ma i risultati fin qui ottenuti faranno da traino. Presentarmi al via da miglior libero U20 d’Italia è una responsabilità, ma ho fiducia nei miei mezzi. Con il tecnico Rosichini c’è stato subito feeling perché, forte della sua grande esperienza, sa relazionarsi bene con i giovani, è schietto e dà ottimi consigli”.