• bcc 2022
  • Unipol
  • Musei Recanati
  • MyRecanati
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • Astea
  • Menghini
  • Avis
  • Astea 2020
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

PORTO RECANATI - All'insediamento del nuovo consiglio comunale di Porto Recanati uno degli interventi più attesi era quello di Rosalba Ubaldi, non solo candidato sindaco alle appena trascorse amministrative, ma anche perchè rappresentante della giunta uscente.

Dalle sue parole, ma anche da quelle dell'ex assessore Angelica Sabbatini, che nelle ore precedenti aveva stigmatizzato l'assenza del comune alla fiera del turismo di Rimini, tutti gli elementi per capire il tipo di approccio con la nuova giunta Michelini stando sui banchi dell'opposizione e quel "non saremo assenti e supini" dice già molto.

Rosalba Ubaldi, capo gruppo consiliare di Centro Destra Unito così si è rivolta alla nuova assise cittadina.

Ubaldi interventoSignor Sindaco,  Prima di entrare nel vivo di questo primo Consiglio Comunale e considerato con non ne ho ancora avuto occasione, mi consenta di approfittare di questo intervento per ringraziare tutti i collaboratori del Comune di Porto Recanati con i quali abbiamo convissuto negli ultimi cinque anni (e non solo).  Essi, ciascuno nel proprio ruolo, hanno sempre dato prova di impegno, grande senso di responsabilità ed immensa disponibilità per le necessità della nostra città e di chi la vive. A loro va il mio e il nostro grande grazie. Ora, per aprire con cognizione di causa questo nuovo capitolo della città, come Consigliere del Centrodestra Unito, ci siamo impegnate a leggere con grande attenzione il suo (VOSTRO) programma elettorale. Oltre alle molte buone dichiarazioni di intenti non abbiamo trovato scritte soluzioni concrete. Confidiamo che nei prossimi mesi (anni) saprà trovarle e con piacere glielo riconosceremo.

La nostra visione della città del futuro di medio e lungo termine e la conseguente proposta di governo, proprio per la concretezza che la caratterizza, era ed è talmente diversa dalla sua da averci fatto sempre considerare non tanto come concorrenti bensì come vera e propria alternativa. La sua visione politica esula completamente dalla nostra, e la crediamo lontana dalla quotidiana amministrazione di una città e delle sue problematiche e sapevamo perfettamente che chi votava per lei, non avrebbe mai votato per noi e viceversa. D’altro canto, noi ci siamo concentrati in una campagna elettorale basata sulle cose fatte e sulle cose da fare. Con rammarico devo ammettere che non siamo stati - o forse non sono stata - sufficientemente convincenti. E coloro che hanno votato per lei sono stati molti di più di chi ha votato per noi e lo dico con, ovviamente, tanto dispiacere. Ci tengo comunque a sottolineare che insieme alla mia collega Sabbatini non faremo una opposizione preconcetta né pretestuosa. Noi semplicemente ci saremo, con l’entusiasmo ed il senso di responsabilità che ci caratterizza e con il rispetto dei 1504 elettori che ci hanno dato fiducia e che ci chiedono di portare la loro voce nella vita della nostra città.  Il risultato elettorale espresso con il voto dei nostri concittadini è per noi sacro anche quando non ci premia e faremo sì che il rispetto istituzionale per la sua giunta ci caratterizzi. Ci auguriamo, e siamo certe che così sarà, di ricevere lo stesso rispetto. Questo, gentile Sindaco, non significa che saremo assenti e supini. Nulla ci impedirà di essere attente ad ogni atto adottato né ci impedirà di svolgere il nostro ruolo senza applicare sconti su tutto quello che riguarda una corretta gestione della res publica. Sappiamo perfettamente che molti aspetti di Porto Recanati sono da migliorare e anche questo era contemplato nel nostro programma; non può però non riconoscere i molti interventi fatti e che già rappresentano la soluzione ad alcune delle sue proposte. Ne cito solo alcuni sapendo che non mancheranno occasioni di confronto su quanto fatto e quanto da fare.Lei afferma che si dovranno trovare nuovi spazi per i giovani? Per loro è già disponibile la Casa degli Artisti, un nuovo spazio nei locali degli ex spogliatoi al Parcheggio Nazario Sauro destinata ad accogliere giovani e gruppi musicali ma anche gruppi che intendono cimentarsi in altre forme artistiche. Sarà a brevissimo disponibile il Kursaal per una stagione culturale non solo estiva e non solo per rappresentazioni indigene. L’attenzione dichiarata per i diversamente abili non può prescindere dai servizi attivi né da quanto già realizzato come la spiaggia attrezzata nella scorsa estate o l’Albero Magico ma non dovrebbe neanche perdere di vista la realizzazione del “Dopo di Noi” di cui non abbiamo letto nulla. La sua idea di “cittadella dello sport” a piazza Kronberg è estremamente riduttiva rispetto alle esigenze reali dei nostri ragazzi e per le manifestazioni auspicate con finalità che rivestano anche motivi di interesse turistico. La città ha il bisogno urgente di un palazzetto dello sport autonomo, così come di tutta un’area da destinare a un campo basket all’aperto, campi da tennis e padel, campo di cricket e anche di un bocciodromo.

Tutto questo a piazza Kronberg non c’entra davvero. La sua proposta per aumentare i posti letto per i turisti è l’albergo diffuso? “L’Albergo Diffuso si configura in un contesto urbano di pregio, sia esso il centro storico di una città o di un paesino, nel quale i turisti vivono a stretto contatto con i residenti, più che con gli altri turisti, e possono contare su tutti i servizi alberghieri, come la colazione in camera o il servizio ristorante, ma con i comfort della normale abitazione, compresa in alcuni casi la possibilità dell’uso della cucina.” Non ci sembra che le caratteristiche della nostra città siano tali da consentire questa forma di turismo che vanno collocate in realtà molto diverse dalla nostra.
La sua maggioranza si prefigge di redigere un Piano del traffico, e propone nuovamente la Sintagma tout court. Forse non sa, gentile Sindaco, che abbiamo avuto ripetuti contatti con la Sintagma, che aveva un incarico affidato nel 2014 dall’allora Giunta. Nella documentazione presente in Comune potrà ricostruire le diverse fasi della collaborazione. Finalmente abbiamo avuto lo studio predisposto da quella società che peraltro ha predisposto i PUT in molte città dell’Umbria e della Toscana. Da parte nostra possiamo semplicemente affermare che non hanno fornito soluzioni apprezzabili e soprattutto non risolutive. Hanno effettuato, come da contratto, il controllo dei flussi di traffico nella nostra città. Sa quando hanno fatto le cinque rilevazioni previste? Nel mese di aprile del 2015 o 16, non ricordo bene, ma lo può trovare. Le sembra che il traffico nella nostra città vada in crisi nel mese di aprile? A noi non lo sembrava ed in considerazione delle soluzioni non identificate abbiamo chiuso quel rapporto, assumendo la documentazione presentata, ma anche pagando una cifra notevole visti gli impegni precedentemente assunti dalla pubblica amministrazione.

Relativamente alla ZTL ed all’isola pedonale non abbiamo capito, ma sicuramente per nostra incapacità, le soluzioni che verranno adottate. Stia certo, anche lei, dovrà decidere se favorire le richieste dei commercianti e del loro diritto di lavorare o quelle di una parte di concittadini e non saranno tutte rose e fiori, perché ogni soluzione adottata avrà i suoi aspetti negativi e positivi. Il collegamento tra le zone periferiche ed il centro città è già realtà, soprattutto in estate con servizio navette gratuito. L’abbiamo sentita dichiarare che il Porto, ovunque esso possa essere realizzato, non rientra nei suoi progetti. Ci permettiamo di chiederle di rivedere questa posizione. Nonostante le oggettive difficoltà, vorremmo che non lasciasse niente di intentato. Come anche di perseguire con ogni caparbietà l’obiettivo di difesa della nostra costa. Nel suo programma abbiamo letto di tante consulte, di tanto coinvolgimento dei cittadini nella gestione delle varie problematiche. Obiettivo sicuramente nobile e condivisibile. Anzi, le dichiariamo anche la nostra disponibilità, qualora decidesse anche un tavolo con le minoranze per l’esame di progetti e problematiche specifiche.

Noi le auguriamo sinceramente di riuscire nell’intento di coinvolgere la cittadinanza e siamo pronte a riconoscerle ogni successo in questa direzione. Le auguriamo, perché ce lo auguriamo per tutti noi, di riuscire ad evitare gli atti di vandalismo gratuito alle strutture pubbliche ed a quelle private, l’uso improprio dei giochi nei parchi da parte di giovanotti al posto dei bambini a cui sono destinati, l’abbandono improprio dei rifiuti e degli ingombranti in alcune stagioni più di altre, delle deiezioni canine e di altri mille problemi che dall’esterno possono sembrare piccoli ma che piccoli non sono davvero. Chi l’ha preceduta, noi comprese, ha messo tanto impegno, tantissimo tempo e tante risorse per cercare di dare una soluzione a questi problemi ma i risultati non sono sempre stati all’altezza dell’impegno profuso.Glielo auguriamo di cuore, Sindaco, perché amiamo questa nostra città immensamente e la vogliamo sempre più bella ed attraente. Buon lavoro a lei, alle donne ed agli uomini che guideranno questa città e buona vita a Porto Recanati.

Il gruppo consiliare ha poi votato contro la relazione programmatica di Michelini e le motivazioni sono state espresse dalla consigliera Sabbatini.

"Riservandoci di evidenziare in altre occasioni alcune delle scelte fatte che non ci trovano favorevoli ed anche in considerazione a quanto già dichiarato dalla Consigliera Ubaldi rispetto all’alternativa che il nostro gruppo intende rappresentare in questo Consiglio Comunale, pur sottolineando la collaborazione che auspichiamo di avere con questa maggioranza, il voto del Gruppo di Centro Destra Unito alle linee programmatiche del mandato politico-amministrativo del prossimo quinquennio è contrario".

La Sabbatini, assessore uscente al turismo aveva posto sotto la lente d'ingrandimento alcune tematiche del settore contestando nelle enunciazioni della nuova amministrazione come affermare da un lato che servono nuove strutture alberghiere e nel contempo dire stop alla cementificazione. Ma che anche le modalità espresse di fare rete con altri comuni per aumentare l'offerta turistica mal si conciliano con quanto sinora sviluppato.